Provincia di Caserta: il Consiglio approva il Bilancio di Previsione 2024

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Caserta – Il Consiglio provinciale ha approvato il Bilancio di Previsione annuale per l’esercizio finanziario 2024 e il Bilancio pluriennale 2024-2026. Il Bilancio di Previsione della Provincia di Caserta si presenta con uno stanziamento complessivo di 312.002.097,51 euro.

“Un bilancio tecnico – ha tenuto a precisare nella sua relazione iniziale il presidente della Provincia Giorgio Magliocca – in quanto predisposto dal dirigente del settore proprio nella fase immediatamente precedente al rinnovo del Consiglio provinciale. In quel momento ho deciso di non dare indicazioni politiche, in attesa delle elezioni che avrebbero definito la composizione del nuovo Consiglio.

glp-auto-336x280
lisandro

Ma – ha aggiunto Magliocca – trasformeremo presto il Bilancio da tecnico in politico con una mega variazione che terrà conto delle indicazioni di tutti i gruppi che oggi hanno mostrato assoluto senso di responsabilità. Ringrazio i consiglieri di maggioranza perché il voto favorevole di oggi ci consente innanzitutto di non perdere un importantissimo finanziamento, oggetto di un emendamento al documento, di oltre 11 milioni di euro per le nostre scuole”.

“Non entro nel dettaglio dei numeri perché, come ho avuto modo di chiarire in Consiglio, si tratta di un Bilancio che ho definito tecnico in quanto predisposto dai dirigenti proprio nella fase delle elezioni. Non mi pareva corretto in quel momento dare indicazioni politiche ma trasformeremo il Bilancio da tecnico in politico con una “mega variazione” che terrà conto delle indicazioni di tutti i gruppi che oggi hanno mostrato assoluto senso di responsabilità” Ha spiegato meglio sui social lo stesso Giorgio Magliocca, da poco eletto al secondo mandato come presidente della Provincia di Caserta.

Da segnalare, come si evince nel documento contabile approvato, il contributo di oltre 20 milioni di euro che la Provincia deve alla finanza pubblica come previsto dalla Legge Delrio, una riduzione delle entrate di oltre 1 milione e mezzo per un calo della riscossione dell’imposta RC auto, mentre resta invariato il contributo statale per l’edilizia scolastica e per la viabilità di circa 4 milioni e 300mila euro.