Provincia di Caserta, messa in sicurezza dei Boschi: approvato nuovo progetto esecutivo per i comuni montani e collinari

Con decreto monocratico n. 156, nell’ambito del Piano forestale 2021, la Provincia di Caserta ha  approvato il progetto esecutivo “Messa in sicurezza dei Boschi 1° Stralcio”, che prevede l’esecuzione di lavori, da realizzarsi in economia, nella forma dell’amministrazione diretta, mediante l’impiego di n. 69 operai assunti a tempo determinato OTD da parte della Comunità Montana Zona del Matese a seguito di un accordo recentemente sottoscritto tra gli Enti.

L’attuale intervento progettuale, appena avviato, prevede un costo complessivo di euro 351.426,00 e costituisce un primo stralcio nell’ambito dell’importo complessivo di euro 2.075.179,66, assegnato dalla Regione Campania all’Ente, quale riparto della programmazione relativa al Piano forestale anno 2021. A breve seguiranno ulteriori interventi progettuali.

I lavori saranno destinati alla prevenzione degli incendi boschivi, attraverso interventi di bonifica montana e collinare, comprese opere di presidio idraulico, cure colturali e fasce tagliafuoco verdi per il controllo e la mitigazione del rischio incendi ed idrogeologico nei territori dei comuni di Arienzo, Carinola Caserta, Castel Morrone, Francolise, Falciano del Massico, Mondragone, Pietravairano, Pignataro Maggiore, San Felice a Cancello, Sessa Aurunca, Vairano Patenora.

Con questi interventi tecnici volti alla prevenzione degli incendi boschivi, proseguiamo la concreta realizzazione della politica di attenzione alla salvaguardia e cura del patrimonio verde dei territori dei comuni interessati“- ha dichiarato Giorgio Magliocca, Presidente della Provincia di Caserta. “Custodire e valorizzare al meglio delle possibilità i nostri boschi, infatti, significa non solo avere il dovuto rispetto delle ricchezze boschive che il territorio provinciale offre, ma significa anche preservare l’ambiente, il verde nel suo complesso, per consegnarlo alle generazioni future nelle migliori condizioni possibili“.