Il pubblico del Feelix DayTwenty9 di Caserta ipnotizzati dalla 18enne Alessandra Tumolillo

Alessandra Tumolillo

Caserta – Una coinvolgente ed emozionante performance al Feelix Day Twenty9 dell’emergente cantante-chitarrista jazz Alessandra Tumolillo – diciottenne artista napoletana – che ha trascinato il numeroso pubblico in un’atmosfera delicata e allo stesso tempo fortemente ritmica, con famosi brani di musica moderna.

La voce calda e plastica della musicista ha accarezzato le melodie intramontabili di brani di Steve Wonder, Pino Daniele e Fausto Mesolella (tra i tanti autori prescelti), accompagnandosi con la sua chitarra jazz in modo espressivo, energico e squisitamente sincopato: tecnica appresa dal Maestro Pietro Condorelli, col quale studia al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli.

Autrice di diversi brani, ieri sera ha proposto inediti, accompagnata dalla band formata da tre Maestri che non hanno bisogno di presentazione: Ferruccio Spinetti al contrabbasso, Giovanni Ceccarelli al piano e tastiere e Mimì Ciaramella alla batteria e, ospite a sorpresa, il sassofonista Gianni Taglialatela. Questi storici compagni di avventure musicali del grande Fausto Mesolella e degli Avion Travel hanno trascinato il pubblico in una “ola” musicale.

In realtà lo scopo dell’evento è stato quello di presentare un nuovo progetto musicale della cantante Tumolillo. La giovane artista, da poco maggiorenne e quindi libera di potersi proporre al pubblico non solo casertano, è supportata dal suo “impresario” Ferruccio Spinetti che ha creduto fortemente nel suo talento. A tal proposito, lo stesso Spinetti ha raccontato come ha conosciuto l’artista napoletana: tutto è iniziato da una segnalazione del sassofonista Gianni D’Argenzio che l’aveva ascoltata.

Interprete già navigata, come ci è sembrata Alessandra, con un’esperienza matura di esecuzione e tecnica espressiva sia con la voce che con la chitarra: acuti sostenuti e pieni, sfumature impercettibili, dosaggio del suono vocale eccellente, prediligendo il folk-country, il jazz ed il pop, stili  più noti alla maggior parte del  pubblico che seguiva attento e partecipe.

Lo strumento sembra, per lei, essere un modo incisivo e diretto per comunicare: a volte aggressivo, a volte ritmicamente trascinante (tanto da dover spesso accordare il “la”), a volte sussurrante emozioni evanescenti: commoventi le dediche a Pino Daniele e a Fausto Mesolella. Prossima è l’uscita del suo nuovo CD, che si avvale della collaborazione dei musicisti del concerto di ieri sera.

Insomma, Alessandra Tumolillo si è rivelata un autentico “animale da palcoscenico“: ha presentato gli artisti e ha ringraziato e coinvolto i presenti in modo naturale e disinvolto. Il suo percorso artistico è appena iniziato!