Reggia di Carditello, l’idea per il rilancio: creare un grande museo dedicato al cavallo

Domenica 19 maggio è stata un giornata particolarmente densa al Real Sito di Carditello: nell’ambito della seconda tappa di “Villaggio Reale“, l’evento ideato da Coldiretti Caserta e Campagna Amica per promuovere le eccellenze gastronomiche campane, si è svolta la Presentazione della Razza di Governativa di Persano a Carditello.

La presentazione si è tenuta alle 11:30 nella Sala Monta alla presenza di Luigi Nicolais, presidente della Fondazione Real Sito di Carditello, ed Alduino di Ventimiglia, Principe di Monteforte, proprietario dei cavalli ospitati nelle scuderie di Carditello.

La Real Razza di Persano è una razza equina creata nelle Scuderie del Regno di Napoli per volontà di Re Carlo III di Borbone e prendono il nome dall’omonima località in provincia di Salerno in cui vide la luce dall’incrocio di stalloni turchi e fattrici locali.

Durante la Presentazione il Principe Alduino di Ventimiglia ha lanciato la propria idea per il rilancio del Real Sito di Carditello: «La scommessa da vincere ora è far ripartire, intorno a questo straordinario sito e intorno ai cavalli, tutto il territorio. Fare in modo che sia la razza governativa del cavallo Persano a far convergere interessi grandi da consentire lo sviluppo di un’intera comunità. Far rivivere la storia, la cultura, la tradizione è già una scommessa vincente. Il sogno ambizioso è quello di realizzare qui il più grande museo del mondo del cavallo, che possa attrarre milioni di visitatori. Questo gioiello è l’unica struttura al mondo originale, con una razza originale, che fa capo alla prima scuola di equitazione al mondo. Un unicum irripetibile».

Intanto la Fondazione Real Sito di Carditello ha indetto un contest aperto al pubblico per scegliere il nome da dare ai puledri di Persano nati nella primavera 2019. Tutte le informazioni relative al contest sono consultabili sul sito internet della fondazione.