Reggia di Caserta, dopo 4 mesi terminati i lavori sul muro di confine con via Passionisti

Il 21 novembre 2020, a causa di piogge intense e venti fortissimi, due lecci secolari si sono abbattuti sul muro del confine ovest del Parco Reale, lungo via Passionisti.

Una giornata funesta per la perdita di alcune alberature del Bosco Vecchio, memoria dell’antico giardino degli Acquaviva inglobato nel Parco Reale da Vanvitelli, ma anche per le preoccupazioni per una statua posta nelle adiacenze, salva per miracolo, e per la sicurezza dell’intero Complesso dal punto di vista degli accessi.

Dopo l’immediata messa in sicurezza del tratto stradale, con l’aiuto delle amministrazioni comunali di Casagiove e Caserta, siamo riusciti ad avviare tutte le procedure. Poiché non sempre è possibile farlo, abbiamo atteso per condividere il sospiro di sollievo per la fine dei lavori giunta in meno di quattro mesi.

Grazie al personale della Reggia per la rapidità con la quale ha contribuito, una volta individuati i fondi, a predisporre l’accurato progetto e i necessari atti amministrativi; alle ditte e alla direzione lavori per l’esecuzione dell’intervento.

Il muro crollato è stato ricostruito quasi nella sua totalità grazie al reimpiego del materiale originario, ricucito mediante l’impiego di connettori in fibra di basalto, anche per garantire l’ammorsamento della porzione ricostruita con quella originaria, non interessata dal crollo, e del bauletto sovrastante.