Reggia di Caserta, lavoratori Opera Laboratori Fiorentini, la Cgil Caserta risponde alla direttrice Maffei

Creazione Contemporanea & Museo Verde alla Reggia di Caserta, più di 80 le domande di  partecipazione

Lavoratori Opera laboratori fiorentini (Reggia di Caserta). Coppola (CGIL Caserta) in risposta alla direttrice Maffei

“Non c’è nulla di più moderno della salvaguardia dei posti di lavoro”.

Così Matteo Coppola, Segretario Generale della Cgil di Caserta in risposta alle dichiarazioni al Mattino della direttrice della Reggia di Caserta Tiziana Maffei. “Di vecchio qui c’è solo una contrapposizione tra processi informatici e il valore delle risorse umane in carne e ossa, di vecchio c’è solo la negazione di un tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali“.

L’aggiornamento dei processi organizzativi, siano essi di un polo museale o di una impresa, non può prescindere dalla tutela delle lavoratrici e dei lavoratori. La vera modernizzazione è andare oltre la riduzione dei costi scaricata sui lavoratori.

Invitiamo ancora una volta Tiziana Maffei a convocare un tavolo di confronto con i lavoratori e le organizzazioni sindacali: potrà così dimostrare di essere essa stessa oltre le vecchie dinamiche che prevedono l’esclusione dei lavoratori da qualsiasi processo decisionale. Le lavoratrici e i lavoratori, insieme alle organizzazioni sindacali e i lavoratori della Reggia, si batteranno per contrastare questo disegno. Su questa delicata questione, auspichiamo un autorevole intervento del Ministro Franceschini“.