Reggia Caserta, è tutto da rifare: un errore matematico esclude il candidato col maggior punteggio

Tiziana Maffei

Nella selezione internazionale per la direzione del palazzo reale casertano è stato escluso Antonio Tarasco che aveva ottenuto il punteggio massimo: ora ha presentato al premier e al ministro una istanza di “annullamento in autotutela”. La Reggia intanto annuncia la nomina dell’architetto Tiziana Maffei che ha avuto un punteggio inferiore.

La selezione pubblica internazionale per la nomina del direttore della Reggia di Caserta sbaglia a contare. Dei 77 candidati, viene scelta una terna che esclude quello che aveva il punteggio più alto.

Come riportato da Repubblica.it: “Il ricorrente – che ha dato mandato allo studio legale Grüner Dinelli – è un dirigente di peso del Mibact, Antonio Tarasco, dirigente di seconda fascia della Direzione Generale Musei, autore di un libro che espone una idea moderna e innovativa di gestione dei beni culturali, ed ha conseguito l’abilitazione da professore ordinario di diritto amministrativo.”

“Il Ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli  – si legge nel ricorso – ha reso noto di intendere proporre al presidente del Consiglio dei Ministri, per la nomina a direttore generale della Reggia di Caserta, l’architetto Tiziana Maffei, libero professionista iscritta all’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggistici e Conservatori di Ascoli Piceno”.

“Come risulta dal verbale numero 9 del 5 aprile 2019 per la Reggia sono stati inseriti nella terna i seguenti candidati: Epifani MarioMaffei TizianaPalumbo Francesco, con, rispettivamente, i seguenti punteggi nella valutazione dei titoli: 57, 58, 59.”

“È evidente, pertanto – fa notare lo studio legale Grüner Dinelli –  che questi candidati risultano aver conseguito un punteggio inferiore al candidato Tarasco che, invece, nella sola valutazione dei titoli, risulta aver conseguito un punteggio – per la Reggia di Caserta – di 62”.

“Il mancato inserimento del candidato Tarasco all’interno delle terne da proporre al Ministro – sottolineano poi i legali – ed in particolare per quanto concerne la terna per la Reggia di Caserta, appare evidentemente il frutto errore di calcolo della stessa Commissione esaminatrice. Diversamente, si tratterebbe di una deliberata ed ingiustificata esclusione”.

Loading...