Il regista Mario Martone protagonista del primo appuntamento della rassegna “Maestri alla Reggia”

Toni Servillo e Mario Martone

Caserta – Nella Reggia di Caserta si è svolto il primo incontro della rassegna dedicata al cinema “Maestri alla Reggia”, che porterà nella splendida cornice della Cappella Palatina alcuni degli attori e dei registi più importanti del panorama italiano.

La manifestazione,  sotto la direzione artistica di Remigio Truocchio, è organizzata dalla società Cineventi, produttrice tra l’altro, per conto dell’ANICA, del mercato estivo del cinema italiano.

L’evento, inoltre, è organizzato con il contributo dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” e con il sostegno del Comune di Caserta, la Reggia di Caserta, gli Amici della Reggia di Caserta, Confindustria Caserta e la Camera di Commercio di Caserta.

In presenza di un folto e attento pubblico, il regista Mario Martone, che festeggia quest’anno il 40° anno di carriera, si è piacevolmente sottoposto alle domande della brillante giornalista, saggista e critica cinematografica Piera Detassis, direttore responsabile di “Ciak”, la rivista italiana dedicata al mondo del cinema,  che è anche partner ufficiale della kermesse.

Il poliedrico regista, che ha al suo attivo una decina di film, fra cui ricordiamo “Morte di un matematico napoletano”, dedicato alla figura del professore Renato Caccioppoli, “L’amore molesto”,  tratto dall’omonimo romanzo di Elena Ferrante e “Noi credevamo”, ambientato durante il Risorgimento e che segue le vicende di tre giovani che si uniscono alla Giovine Italia animati da ideali patriottici e repubblicani.

Durante la conversazione è stato chiamato sul palco anche l’attore Toni Servillo che ha arricchito la serata con il racconto di alcuni aneddoti di quando lui e l’amico Mario prendevano il treno di notte per andare ad assistere a proiezioni cinematografiche a Roma. [continua dopo la galleria fotografica]

Mario Martone a Maestri alla Reggia

Servizio fotografico curato da Roberta Pirozzi

A margine della serata è stato presentato l’ultimo lavoro del regista napoletano “Capri – Revolution” che sarà presentato nelle sale cinematografiche italiane da 01 Distribution , a partire dal 13 dicembre 2018. La pellicola, ambientata nel 1914, alla vigilia della prima guerra mondiale, narra di un gruppo di giovani artisti nordeuropei che si stabilisce sull’isola di Capri fondandovi una comune, in cerca di un ambiente naturale e selvaggio da riprodurre in pittura e dove poter vivere in pace, recuperando una primitiva semplicità. I giovani entrano in contatto con alcuni abitanti del luogo, come Lucia, una giovane guardiana di capre analfabeta e schiacciata dal maschilismo familiare, e il socialista Carlo, medico del paese.

In sala era presente in incognito la giovane attrice Marianna Fontana, che interpreta Lucia, la guardiana di capre. Con un’entrata a sorpresa si è seduta anche lei sul divanetto, insieme a Servillo e Martone. Seppur ancora molto giovane la ragazza, maddalonese di nascita ma napoletana di adozione,  ha già dato prova di grande bravura, ricoprendo il ruolo di Daisy nel film “Indivisibili” di Edoardo De Angelis, mentre sua sorella gemella Angela Fontana era Viola. Alle due sorelle gemelle Angela e Marianna Fontana è stato assegnato il Globo d’oro alla miglior attrice, nel 2017.

Durante la serata, fra uno scambio di battute e l’altro, sono stati proiettati “spezzoni” di alcuni film del maestro Mario Martone: “Morte di un matematico napoletano”, “L’amore molesto”, “Teatro di guerra”, “I vesuviani”, “Noi credevamo”, “Capri – Revolution”.

La rassegna “Maestri alla Reggia” proseguirà con altri tre appuntamenti con altrettanti “mostri sacri” del cinema italiano. Non ci resta che attendere il prossimo ospite.