Rendere gli NFT uno strumento di gioco invece che di vendita

Affinché i giochi blockchain diventino mainstream, i creatori devono fare meglio con gli NFT

Le tecnologie decentralizzate come le reti blockchain, le criptovalute e i token non fungibili (NFT) stanno rapidamente diventando una parte inestricabile dei settori di Internet, dei media e dei giochi. Tuttavia, man mano che nuove porte si aprono e nuove possibilità si dischiudono, innovazioni come il Web3 e il metaverso possono diventare solo un’altra serie di parole d’ordine troppo enfatizzate che non hanno nulla sotto di sé.

Questo è particolarmente vero per l’industria del gioco globale. Da decenni si affida a strutture e soluzioni collaudate, e sconvolgerle non è un compito banale. Sebbene numerosi sviluppatori di giochi stiano integrando NFT e “elementi blockchain” nei loro progetti, la prima domanda che sorge spontanea è: “Sono davvero necessari?”.

Sebbene molti creatori di giochi vogliano stare al passo con i tempi e saltare sull’ultimo treno dell’hype il prima possibile, la verità è che le NFT e la blockchain nei giochi vanno ben oltre il semplice spuntare un’altra casella su un elenco di funzionalità. Affinché i giochi blockchain diventino mainstream, le NFT devono rimanere sotto il cofano invece di essere spinte come un punto di vendita eccessivamente pubblicizzato.

Senza scopo di lucro

L’aggiunta di elementi decentralizzati come le NFT non deve essere la soluzione unica e definitiva che renderà magicamente un gioco popolare e redditizio.

Un’altra idea sbagliata è che qualsiasi asset blockchain debba assolutamente crescere di prezzo con il tempo, dando ai giocatori la speranza – spesso falsa – che i loro investimenti nel gioco si traducano in profitto.

Come dimostrato da diversi giochi blockchain popolari, i modelli economici in cui “tutti i giocatori guadagnano sempre” sono completamente insostenibili.

Al contrario, lo scopo di inserire la blockchain in un gioco non è quello di far crescere il valore delle sue attività, ma piuttosto di offrire agli utenti la possibilità di possedere e vendere i propri oggetti digitali ad altre persone, anche tramite app come Bitcode Prime, indipendentemente dal fatto che siano in guadagno o in perdita. Infatti, come dimostrato da diversi giochi blockchain popolari, i modelli economici in cui “tutti i giocatori guadagnano sempre” sono completamente insostenibili.

Il concetto di scambio di oggetti di gioco non è affatto nuovo, ma la blockchain permette di portarlo a un nuovo livello.

Ad esempio, Steam, il più grande negozio di giochi digitali al mondo, ha aperto il suo Community Market quasi dieci anni fa, consentendo ai giocatori di commerciare e scambiare oggetti di giochi come Team Fortress 2, Counter-Strike: Global Offensive, Dota 2 e altri.

Tuttavia, l’offerta presenta numerose limitazioni, tra cui l’impossibilità di prelevare fondi reali dalla piattaforma di Steam. Inoltre, i giocatori non possiedono realmente gli oggetti che acquistano su Steam e, se per qualche motivo Steam dovesse fallire, i giocatori perderebbero probabilmente i loro beni di gioco. Questo è esattamente ciò che gli NFT possono risolvere.

Potere al giocatore

Sia i giocatori che gli sviluppatori dovrebbero abbandonare la mentalità secondo cui “l’acquisto di NFT significa apprezzamento del valore degli asset o profitto garantito”. Dovrebbero invece concentrarsi sugli altri vantaggi che le tecnologie decentralizzate offrono.

Ad esempio, integrando gli oggetti di gioco come NFT, gli sviluppatori possono permettere ai giocatori di entrare veramente in possesso dei loro oggetti, che si tratti di cosmetici, di equipaggiamenti reali nell’universo, di caratteristiche del profilo come gli avatar o di qualsiasi altra cosa.

Perché a differenza di Steam, che supporta almeno una sorta di commercio di oggetti di gioco, la maggior parte dei principali editori e sviluppatori non permette nemmeno questo. Ad esempio, se avete pagato per oggetti cosmetici in Overwatch o Fortnite, questi oggetti sono ora legati per sempre al vostro account fino alla fine dei tempi, senza quasi alcun modo (legale) per recuperare anche solo una parte del denaro speso. Ciò è tanto più vero in quanto gli accordi con gli utenti della maggior parte delle società di gioco vietano chiaramente e unilateralmente ai giocatori di scambiare oggetti o addirittura account completi.