Rimandata a domenica 29 ottobre l’apertura del Teatro Romano di Sessa Aurunca con Eduardo De Crescenzo

SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

A causa del maltempo, l’apertura straordinaria del Teatro Romano di Sessa Aurunca (CE) con l’esibizione dal vivo di Eduardo De Crescenzo è posticipata a domenica 29 ottobre alle ore 18.00 (rispetto alla data inizialmente prevista di venerdì 27); ad affiancare sul palco l’artista partenopeo una rosa di straordinari musicisti in dialogo continuo con la sua musica: Enzo Pietropaoli contrabbasso; Marcello Di Leonardo batteria; Julian Oliver Mazzariello pianoforte; Daniele Scannapieco sassofono; Susanna Krasznai violoncello.

L’iniziativa è inserita all’interno dell’edizione 2023 di Campania By Night, il programma di visite guidate, passeggiate notturne, aperture straordinarie ed eventi all’aperto che riprende il suo cammino itinerante con l’esibizione gratuita del cantautore partenopeo all’interno di uno degli edifici pubblici di età romana più imponenti scoperti sinora in Campania.

simplyweb2024-336
simplyweb2024-336
previous arrow
next arrow

Edificato sotto l’impero di Augusto, nel I secolo d.C., il Teatro fu successivamente ristrutturato e ampliato nel II secolo d.C., sotto Antonino Pio. Per la grandiosità dei resti e la preziosità dei reperti rinvenuti, è la testimonianza tangibile della potenza e dell’interesse di Roma per la Campania e per Sessa Aurunca in particolare.

Il sito culturale, con murature conservate fino a 20 metri di altezza, comprende una cavea di 110 metri di diametro, scavata nella collina e superiormente impostata su gallerie, con tre ordini di gradinate in calcare che potevano ospitare dai 7000 a 10000 spettatori.

All’interno di questa location d’eccezione si esibirà l’interprete di una delle canzoni più amate dal grande pubblico: “Ancora”. Nato a Napoli nel 1951, Eduardo De Crescenzo scrive con ESSENZE JAZZ una biografia musicale emozionante che attraversa il suo repertorio ma anche tutte le esperienze musicali che l’hanno formato e che hanno disegnato la sua personalità artistica: le interpretazioni raffinate dei chansonniers italiani e napoletani che a inizio del XX secolo s’ispirarono alla Francia, il ritmo serrato del vocalizzo scat che scopriva nell’adolescenza nei locali americani sul porto di Napoli dove la sera si suonava il jazz, le suggestioni del Mediterraneo che lo ispirano dal mare o dai vicoli della sua città.

L’evento è programmato e finanziato dalla Regione Campania attraverso Scabec S.p.A. – Società Campana Beni Culturali, con Fondi POC (Programma operativo Complementare) 2014-2020, organizzato in collaborazione con il Comune di Sessa Aurunca e l’Antiquarium e il Teatro romano di Sessa Aurunca nell’ambito di Campania by Night.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti. Per info e prenotazione: www.campaniabynight.it.