Rimanere in forma con la dieta vegetariana, senza rinunciare al gusto

La cucina vegetariana ha ormai conquistato i palati di tutto il mondo e il numero di persone che hanno deciso di eliminare la carne dalla propria alimentazione o di ridurla è in costante aumento. L’alimentazione vegetariana oltre alla carne esclude anche il pesce, ma ciò nonostante è in grado di compensare tutte le sostanze nutritive necessarie per l’individuo, grazie all’utilizzo di legumi, ortaggi, cereali, frutta, semi e frutta secca. Mangiare vegetariano non significa rinunciare a piatti gustosi, ma rivisitarli in chiave più leggera, creando primi e secondi sfiziosi da offrire ai propri ospiti per ogni occasione.

Una cucina naturale senza rinunce

Rispettare la natura stessa degli alimenti e di chi poi li dovrà mangiare è il punto di partenza di tanti chef contemporanei che nei loro locali e ristoranti hanno deciso di sposare questo tipo di cucina, senza dimenticare la nostra tradizione gastronomica di stampo mediterraneo, già molto ricca di ricette composte da ingredienti freschi e genuini, spesso provenienti da coltivazioni biologiche. Dal Nord al Sud, dunque passando dalle offerte gastronomiche creative torinesi di Deliveroo a quelle filanti e sugose tipiche campane, il vegetarianesimo non è più associato a insipidi piatti o a banali insalatone, ma spazia in una serie di pietanze  provenienti sia dalla tradizione italiana che da quella internazionale; qualche esempio? I ravioli ripieni di ricotta, gli gnocchi alla sorrentina, le zuppe di verdure miste e le vellutate al curry o le classiche polpette rivisitate in chiave vegetale e insaporite da spezie profumatissime. Oggi quindi essere vegetariani non deriva solo ed esclusivamente da motivazioni etiche o religiose, ma sempre più spesso è una scelta personale di chi comincia a seguire un’alimentazione più sana ed equilibrata, costituita da maggiori quantità di frutta e verdura, riducendo carne e pesce.

I benefici di una dieta green

  • Cuore in buona salute: la dieta vegetariana secondo una recente ricerca realizzata da un gruppo di studiosi dell’University of Oxford ha un impatto molto positivo su persone che soffrono di problemi di cuore, riducendo il rischio di disturbi cardiaci del 32% e di diabete.
  • Perdita di peso senza stress: seguire una dieta a base vegetale ed equilibrata può aiutare anche a dimagrire in modo controllato fino a perdere 10 kg, senza bisogno di praticare sport o attività fisiche particolari. A dirlo è un’analisi pubblicata dal Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics e condotta da ricercatori del Physicians Committee for Responsible Medicine. Secondo questa tesi, perdere peso è possibile, basta orientare l’alimentazione verso il consumo di legumi, frutta, verdura e cereali integrali, meglio se provenienti da colture biologiche.
  • Miglioramento dell’umore e della longevità: grazie alla presenza di carotenoidi e antiossidanti negli alimenti vegetali che riescono a legare e ad eliminare i radicali liberi, supportando il nostro sistema immunitario. La dieta vegetariana è anche ricca di sali minerali, fibre e vitamine, che aiutano il nostro organismo a sentirsi più in forma e a mantenere il corpo tonico e privo di eventuali residui di ormoni ed antibiotici provenienti da carni da allevamenti intensivi o di pesce allevato.

Il vero dibattito oggi è tra i sostenitori di una dieta completamente priva di proteine di origine animale, il cosiddetto veganesimo e chi invece preferisce mantenersi in salute seguendo una dieta mediterranea equilibrata, senza eccedere con fritture e condimenti, chi avrà la meglio?