Ripartire con la cultura a Caserta

Ripartire con la cultura a Caserta

Si è svolto il primo incontro on line sabato 27 novembre 2021 per avviare il nuovo progetto “Caserta città di libri – Rete di Biblioteche”.

L’iniziativa è promossa dalla rete Le Piazze del Sapere ed il progetto Biblioteca Bene Comune con l’obiettivo di organizzare presso la Biblioteca Ruggiero una giornata dedicata alla costruzione di una rete tra le biblioteche della nostra città, affinché le esperienze culturali di promozione della lettura e dei beni comuni cittadini possano insieme rafforzarsi e avanzare, col confronto e la collaborazione reciproca. All’incontro ha partecipato anche il nuovo Assessore alla Cultura dott. Enzo Battarra, che ha condiviso il percorso che rappresenta una continuità con il Patto della lettura (Caserta è uno dei pochi comuni ad averlo adottato a livello provinciale e campano con il precedente assessore Lucia Monaco).

A conclusione è stato deciso di convocare un prossimo incontro con tutti i referenti delle biblioteche cittadine (pubbliche e private), a cui verrà sottoposto un documento da condividere per una stilare convenzione ed un vero e proprio protocollo di gestione della rete (prendendo a riferimento alcune buone pratiche già operanti a livello nazionale e provinciale). Proveremo a costruire insieme questa proposta con un nuovo incontro entro dicembre 2021.

Da un primo censimento e ricerca a livello cittadino nel catalogo ICCU del Mibac, emergono questi dati: a Caserta sono registrate ben 22 biblioteche, di cui 13 pubbliche (statali, comunali, provinciale, università e scuole), 1 della Camera di Commercio in fase di riorganizzazione con l’Università L. Vanvitelli, 2 religiose, 3 di Enti Vari ed altre 3 di associazioni (come quella multietnica del Cidis, quella per ragazzi dei Colli Tifatini e dell’Auser Caserta “T. Noce”.

Tutte queste attività saranno parte attiva di un Manifesto proposto al Comune di Caserta dalla rete associativa per ripartire con la cultura come fattore di coesione sociale, di valorizzazione dei beni comuni, di solidarietà e di accoglienza dei migranti e dei rifugiati, per creare nuovi ponti tra popoli e religioni diverse, per creare nuove opportunità di innovazione per lo sviluppo locale e per la crescita civile delle comunità.

Tale iniziativa  sarà realizzata In collaborazione con AIB Campania e Cidis Onlus, vari enti ed istituzioni, con associazioni del terzo settore ed ambientaliste, con le associazioni datoriali e sindacali, con il mondo del sapere e della scuola, con l’università, con l’apporto degli artisti e degli operatori culturali che intendono intervenire  per scrivere insieme una pagina importante per risollevare le sorti del comparto.