Risposta de “I Borghi del Belvedere” al consigliere Donato Tenga

San Leucio (Caserta) – Ci saremmo aspettati un incontro di persona e pubblico con il consigliere di zona Tenga, che con i fatti e documenti alla mano ci rassicurasse.

Queste sue parole non sono i fatti, mentre fatti reali sono l’assenza delle misure minime necessarie a mantenere il decoro della nostra amata San Leucio, come lo sono l’ assenza di barriere che tutelino i cantieri ancora attivi, si fa per dire, dello scalone reale del Belvedere o di altre azioni omesse, ma fondamentali per il vivere civile e che, invece, denotano il calibro di chi è stato votato per occuparsene.

Ciò che siamo costretti a fare, a dire e a scrivere non ci rende felici e non si può godere di un qualsiasi fallimento politico, se si ha a cuore il bene ed il progresso di una comunità. Come cittadini pensanti, tuttavia, abbiamo il dovere di non voltare il nostro sguardo altrove e non potremmo farlo perché ormai, dovunque esso si posa, vede solo scempi.

Quindi continueremo nella nostra azione, vigili e presenti, avendo come obiettivo tempi migliori.

Le manovre ” politiche” le lasciamo ai politici, a noi resta soltanto e per fortuna la facoltà dell’ esercizio dello spirito critico e la volontà di far rispettare il senso civico del Bene COMUNE.

Il presidente ed il direttivo de I Borghi del Belvedere