Riti di esorcismo su una adolescente, la Procura apre inchiesta

Casapesenna (Caserta) – Il giorno dopo la decisione del Vescovo della Diocesi di Aversa mons. Angelo Spinillo di sospendere dal pubblico ministero per un anno il sacerdote don Michele Pagano arrivano altri sviluppi sulla vicenda relativa ai riti di esorcismo ai quali sarebbe stata sottoposta una tredicenne di Casapesenna. Lo scottante caso è stato reso noto nella puntata di mercoledì scorso dalla trasmissione Le Iene, che ha mandato in onda un servizio in cui la sorella della vittima racconta il calvario della tredicenne.

L’adolescente, che secondo i medici è affetta da un disturbo di conversione legato a traumi subiti, sarebbe stata “curata” dal parroco, in accordo con i genitori, tramite pratiche di esorcismo che però non hanno migliorato la situazione e sono state oggetto dell’attenzione del programma Mediaset.

Ora sul caso è intervenuta la Procura della Repubblica di Napoli Nord, che ha aperto un’inchiesta con l’obiettivo di capire se la ragazzina abbia subito danni causati proprio dai riti a cui l’avrebbe sottoposta don Michele Pagano: questa è infatti l’ipotesi che trapela dal servizio realizzato da Gaetano Pecoraro andato in onda su Italia Uno. Le indagini sono state affidate alla Squadra Mobile della questura di Caserta, che nelle scorse ore ha già provveduto a raccogliere i primi documenti e le prime testimonianze sulla delicata vicenda.