S.P.A.C.E restituisce l’autonomia economica alle donne vittime di violenze: il Comune avvia il progetto

Diventa concreto a Santa Maria Capua Vetere l’iter avviato dall’Ambito Sociale C8 relativo all’avviso pubblico della Regione Campania “S.V.O.L.T.E.”

Assistenza, ascolto, orientamento ed inclusione socio-lavorativa delle donne vittima di violenza, due azioni:accoglienza, supporto e orientamento, nonché tirocini di inserimento o reinserimento al lavoro.

E’ stato presentato ieri mattina presso la Sala Giunta del Comune, dal sindaco Antonio Mirra e dell’assessore Rosida Baia,il Progetto “S.P.A.C.E.” (Spazio, posto delle donne nella società) nell’ambito dell’avviso pubblico “S.V.O.L.T.E.” rispetto al quale la proposta presentata dal Comune di Santa Maria Capua Vetere, quale Ente capofila dell’Ambito Sociale C8, è risultata undicesima a livello regionale nella graduatoria dei progetti ammessi a finanziamento.

Si tratta di uno strumento che, in maniera efficace ed innovativa mira al recupero dell’autonomia e dell’indipendenza economica per contrastare in maniera concreta il fenomeno della violenza subita dalle donne, in questo caso non più “vittime” ma protagoniste attive del proprio percorso ed artefici del proprio cambiamento.

Il progetto si rivolge a donne vittime di violenza o di tratta, residenti nei Comuni appartenenti all’Ambito Territoriale C8, con priorità per le donne inserite in percorsi di protezione. I partner del progetto, accanto all’Ambito C8, selezionati tramite avviso pubblico sono: Cooperativa Città Irene per la parte di supporto psicologico e FormWork per la parte relativa all’attivazione dei tirocini.

Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare il numero 0823.844908 oppure recarsi presso l’Ufficio di Piano ubicato all’ex Mulino Buffolano in via Albana.

Loading...