Sagra del maialino paesano, nel piccolo borgo di Cappelle di Teano l’intreccio fra tradizione e cibo

In una suggestiva cornice, nel piccolo borgo di Cappelle di Teano si svolgerà il prossimo 10 e 11 agosto a partire dalle 20.30, la sagra del maialino paesano, un appuntamento immancabile giunto alla sua quindicesima edizione.

Nelle due serate dedicate all’evento gastronomico, nella frazione sidicina saranno allestiti diversi stand ai quali si potrà accedere per degustare il maialino cotto in vari modi, dalla griglia al forno, per passare alla pasta asciutta con le  “tracchiolelle” e alla pasta e fagioli con le cotiche,  fino ai dolci artigianali realizzati dalle amorevoli donne del posto.

In un tripudio di tradizione, gli avventori potranno godere non solo delle bontà culinarie, ma anche dell’atmosfera antica e poetica che caratterizza il centro alle pendici del vulcano Roccamonfina.

A Cappelle di Teano vivono poche decine di abitanti, ma il paesino nel periodo estivo si anima con la presenza di persone originarie del luogo che, trasferitesi al Nord, a ogni estate ritornano a “casa”.

In questo mescolarsi di accenti, la sagra, che si pone ormai come consolidato momento di aggregazione, si distingue per il clima di festa e di gioia nel quale si svolge. Adulti e bambini, uomini e donne cominciano a darsi da fare molti giorni prima, per organizzare e accogliere nel migliore dei modi gli ospiti. I cappellesi, ognuno per la propria parte, nel segno di una comunità che cresce e vive, si impegnano per garantire il successo dell’iniziativa. Ad allietare le serate, oltre al buon cibo, innaffiato dal vino Falerno (produzione locale), anche canti e balli della tradizione popolare.