Sal Da Vinci al Teatro Comunale di Caserta il 20 e 21 aprile in “Sal Da Vinci Stories”

HONDALIVETOUR
SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

Sal Da Vinci sarà al Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta sabato 20 aprile 2024 alle 20.45 e domenica 21 aprile alle 18.00, con lo spettacolo dal titolo “Sal Da Vinci Stories“.

Presentato da Artisti Riuniti, lo spettacolo “Sal Da Vinci Stories” è scritto da Sal Da Vinci, Luca Miniero e Ciro Villano. Messa in scena di Sal Da Vinci ed Ernesto Lama; supervisione artistica di Luca Miniero; scene di Roberto Crea; costumi di Lisa Casillo; disegno luci di Francesco Adinolfi; video di Mariano Soria; musica dal vivo: Christian Capasso al basso e contrabbasso; Antonio Mambelli e Gianluca Mirra alla batteria e percussioni; Maurizio Fiordiliso alla chitarra; Giuseppe Fiscale  ai fiati e tastiere; Sasà Piedepalumbo alla fisarmonica e pianoforte. Info: 0823444051.

Terrazza Leuciana
Terrazza Leuciana
previous arrow
next arrow

Inoltre, sabato 20 aprile alle ore 19.00, sempre al Teatro Comunale di Caserta, Sal Da Vinci e la Compagnia saranno ospiti del ciclo di incontri “Salotto a Teatro“, condotti dalla giornalista Maria Beatrice Crisci.

Sinossi dello spettacolo “Sal Da Vinci Stories”

L’idea è quella di creare uno spettacolo che fonde la melodia del passato di Sal con la contemporaneità, anzi con l’essenza stessa della tecnologia con la quale ci misuriamo quotidianamente: i social network. L’intero scenario si svolge su un palco elegante, con un tocco di neutralità e semplicità, dove spiccano solo due elementi: un pianoforte con un computer poggiato sopra e un grande schermo a sfondo del palco.

Sal si intrattiene con il computer, componendo vere e proprie storie su Instagram. Queste storie diventano il filo conduttore dello spettacolo. Mentre le costruisce, l’artista ha l’opportunità di raccontare in modo creativo la sua vita al pubblico presente in sala.

Ma procediamo con ordine, analizzando alcuni esempi. La prima storia di Sal viene creata utilizzando alcune foto di suo padre, proiettandole sul grande schermo. Mentre queste immagini appaiono, Sal le commenta e racconta un pezzo della sua vita.

Instagram diventa così un modo innovativo, moderno e non autocelebrativo per parlare di se stessi, permettendo allo spettacolo di procedere su due binari. Da un lato, c’è la storia pubblica che Sal condivide effettivamente online una volta composta, ma, ancor più importante, c’è la storia privata ed intima, raccontata ironicamente al pubblico in sala.

In definitiva, mentre il pubblico a casa o su Instagram può vedere il risultato finale del discorso, l’emozionante racconto che porta a quella storia si dipana sul palco.

Ogni narrazione si arricchirà di video, fotografie e scritti, accompagnati da testi e brani musicali. Esploreremo il legame con il padre, vari personaggi che hanno segnato la sua vita, i figli, i primi passi nel mondo del matrimonio, il successo ottenuto con “Scugnizzi”, la relazione con Pino Daniele e il geniale De Simone. Vogliamo conoscere la sua percezione di Napoli, dove si trovava durante il terremoto e scoprire come fu l’incontro con Mattone per dare vita a “Scugnizzi”.

Dieci storie di vita che si intrecciano anche con la dimensione di Instagram, perché la vita di Sal merita un racconto intimo. Questo sarà un Sal inedito, un viaggio profondo e quasi psicoanalitico tra Napoli, la musica e i vividi colori di un artista la cui voce e vita sfuggono a qualsiasi etichetta.