Salone dell’Edilizia 2023: un successo di pubblico e di critica al Polo Fieristico A1Expò di San Marco Evangelista

Al termine della tre giorni presso il Polo Fieristico di A1Expò grande soddisfazione da parte degli addetti ai lavori per la qualità dei convegni proposti e l’affluenza che ha registrato un +70 % di presenze.

Si è svolta da giovedì 11 a sabato 13 maggio 2023 la seconda edizione del SED, la fiera dedicata all’intera filiera dell’edilizia e delle costruzioni del Centro-Sud Italia.

Oltre alle numerose aziende italiane ed internazionale presenti con le loro soluzioni (dai prodotti per l’edilizia alle soluzioni eco-green, dalle attrezzature ai macchinari, passando per i software e le nuove frontiere del digitale), il SED ha visto un nutrito programma convegni dedicati a tutti gli attori della filiera edile; si è trattato di seminari e mini-eventi, la maggior parte dei quali con rilascio di crediti formativi professionali per ingegneri, architetti, geometri e periti.

Tra i temi toccati: PNRR, bonus edilizi, la struttura tecnica nazionale della Protezione Civile, la sicurezza sul lavoro, tematiche energetiche e di bio-edilizia, l’analisi strutturale.

Un successo di pubblico e di critica.
Al termine della tre giorni presso il Polo Fieristico di A1Expò grande soddisfazione da parte degli addetti ai lavori per la qualità dei convegni proposti e l’affluenza che ha registrato un +70 % di presenze.

Presente al taglio del nastro e all’evento di apertura l’ing. Paola Marone, presidente nazionale di Federcostruzioni che dichiara “con piacere partecipiamo alla fiera SED, dove potremo mettere in evidenza il nostro impegno e le nostre iniziative nel campo della digitalizzazione delle costruzioni.

Continueremo a lavorare per promuovere la qualificazione delle stazioni appaltanti e per facilitare l’adozione di tecnologie all’avanguardia nel settore. Siamo pronti ad affrontare le sfide che ci attendono e a contribuire alla trasformazione digitale delle costruzioni in Italia”.

A visitare la fiera anche l’on. Marco Cerreto che nella giornata di sabato ha rilasciato anche un lancio di agenzia sottolineando come il SED sia “una realtà espositiva importante sul tema dell’edilizia digitale fondamentale per rimettere al centro un settore così importante per l’Italia e soprattutto per il Mezzogiorno.

L’edilizia digitale offre una possibilità strategica sia per il miglioramento dei processi di calcolo, di progettazione strutturale degli edifici e sia per il supporto all’ausilio dell’efficientamento energetico e alla prevenzione, quest’ultima molto spesso sottaciuta e messa in secondo piano (prevenzione sugli effetti sismici). Tema questo che ritengo altrettanto importante alla stessa stregua dell’efficientamento energetico.

Oggi per milioni di edifici si dovrebbe pensare ad un piano di miglioramento che possa essere attuato grazie all’apporto dell’edilizia digitale che in caso di sisma potrebbe evitare le tragedie alle quale purtroppo abbiamo assistito anche recentemente.”

Soddisfazione è stata espressa dall’intero board di EdilCross, ente organizzatore della fiera che sottolinea come quella di puntare su Caserta è stata una scelta vincente ringraziando anche l’impegno degli Ordini professionali degli ingegneri, architetti, geometri e periti della provincia.

Il SED guarda già al 2024 per la terza edizione che avrà luogo sempre a Caserta dal 23 al 25 maggio.