“Salviamo la Scuola pubblica”, la Regione Campania chiama i sindaci alla mobilitazione

Studente positivo al Covid a Santa Maria a Vico
SANCARLO50-700
ENJOY1
delpicar-t-toc
previous arrow
next arrow

La Regione Campania promuove un’assemblea con tema principale il futuro della scuola pubblica, martedì 31 gennaio alle ore 10.00, Stazione Marittima di Napoli

Sarà un’occasione per avere un confronto aperto e franco tra il governo regionale e i Comuni con la partecipazione diretta degli operatori scolastici.

Al centro dell’incontro che, non a caso ha per titolo “Salviamo la scuola pubblica”, è l’effettiva valorizzazione dell’autonomia didattica, di ricerca e di gestione degli istituti scolastici, messe a repentaglio da alcune scelte operate in questi anni dal Miur (e anche dal progetto Calderoli di Autonomia differenziata) e dai processi di denatalità.

MORRA-SMART
simplyweb2023
previous arrow
next arrow

Una «tempesta perfetta» per i Comuni che rischia di far saltare il ruolo e la funzione della scuola pubblica nel nostro Paese, con accorpamenti e chiusura di istituti, riduzione di personale, fine degli investimenti in Campania e al Sud in edilizia scolastica, laboratori didattici e formazione.

L’anno scolastico a settembre 2022 è ripartito con 147.200 alunni in meno. Per rendere l’idea della progressione negativa, in un solo anno è sparito l’equivalente della popolazione di Caserta e Benevento. Ecco perché anche per i Comuni questa è una battaglia da combattere tutti insieme.

Anci Campania invita tutti i Sindaci, gli assessori comunali all’Istruzione e gli addetti ai lavori a partecipare martedì 31 gennaio alle ore 10.00, presso la Stazione Marittima di Napoli – Sala Galatea, per condividere e discutere delle prospettive e delle azioni da intraprendere per salvare la scuola pubblica.

Un appuntamento importante che richiede la partecipazione e il contributo di tutti coloro che hanno a cuore il destino delle comunità scolastiche.

Per registrarsi è necessario compilare il form di partecipazione
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSfbp5jezzPrWJoOhWdI88Ngnf1IelWvt05XiRablU1jvldTbw/viewform

Fonte www.ancicampania.it