A San Cipriano d’Aversa apre Un Villaggio per Crescere, spazio gratuito per mamme e bimbi da 0 a 6 anni

Anche San Cipriano d’Aversa avrà il suo Villaggio per Crescere. Inaugura infatti lunedì 8 ottobre alle 11, nella struttura dei padri Caracciolini in vico Caterino IV n. 6 , lo spazio educativo dedicato ai bambini di fascia 0-6, dove sarà possibile accedere gratuitamente con i propri figli per leggere, giocare, fare musica e coltivare un piccolo orto, tutto in modo condiviso, tra adulti e più piccoli, aiutati da operatori appositamente formati. Tante attività con l’obiettivo di promuovere un’educazione di alto profilo, equa e inclusiva: un sostegno concreto ai genitori, che ora avranno maggiori strumenti per trascorrere anche a casa propria dei momenti di qualità con i propri figli piccoli e per sostenere lo sviluppo cognitivo e relazionale dei bambini.

All’inaugurazione sono invitati fra gli altri : il Sindaco di San Cipriano, la Dirigente Scolastica del I.A.C. De Mare di San Cipriano, il Dirigente Sanitario dell’ASL CE2, il Preposito generale dei Chierici Regolari Minori (padri caracciolini), i tre parroci (Santa Croce, San Giuseppe, Annunziata), la Diocesi di Aversa, le forze dell’Ordine, i volontari Nati per Leggere Campania, il coordinatore del Villaggio per Crescere a San Cipriano d’Aversa, l’Associazione Laici Caracciolini partner del progetto e gli educatori opportunamente formati per il progetto che racconteranno agli illustri ospiti le finalità e le caratteristiche del progetto.

“Un Villaggio per Crescere” è un progetto nazionale ideato dal Centro per la Salute del Bambino di Trieste e selezionato dall’Impresa Sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la  piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD.

A San Cipriano d’Aversa il progetto nasce in collaborazione con l’associazione Laici Caracciolini che qui ha attivato da tre anni il programma nazionale Nati per Leggere; quest’ultimo, nei locali messi a disposizione dai padri caracciolini (presenti sul territorio dal 1969), promuove uno dei pilastri del percorso educativo nella primissima infanzia, cioè la lettura relazionale.

«Il Villaggio per crescere di San Cipriano d’Aversa parte dalla necessità di portare su questo territorio periferico e multiproblematico (disoccupazione, immigrazione, illegalità, inquinamento, ecc) una nuova sensibilità sull’importanza della qualità dei primi mille giorni di vita (ma anche dei tre anni successivi) nello sviluppo di un bambino e in definitiva dell’adulto di domani e soprattutto su quello che possiamo fare attivamente per migliorare questa prima finestra così cruciale» riflette Nicola Caracciolo, referente del Villaggio.

«Partiamo dai bambini per costruire un futuro migliore della società; questo significa coinvolgere e supportare tanto i genitori quanto la comunità educante, cioè tutti i soggetti impegnati  a vario titolo nella crescita dei bambini: fisica, intellettuale, creativa, spirituale e morale.  Il nostro Villaggio per Crescere vuole essere una guida per i genitori, per valorizzare il tempo trascorso con i propri figli e sostenere lo sviluppo complessivo dei bambini. La sfida sarà proprio riuscire a raggiungere quella fascia di popolazione più periferica, come direbbe Papa Francesco, che per vari motivi è più restia ad avvicinarsi ai servizi per l’infanzia, sia perché non è preparata per comprenderne l’importanza e l’utilità sia perché non ne conosce l’esistenza» conclude.

I bambini e le famiglie saranno accolti e impegnati in attività che prenderanno vita nel Villaggio due volte a settimane nel periodo di rodaggio fino a dicembre per passare a tre volte a regime da gennaio 2019.

IL PROGETTO NAZIONALE – Il Progetto Un Villaggio per Crescere si propone di garantire un’offerta educativa di qualità in luoghi di facile accessibilità, gratuiti, adeguatamente arredati e dotati dei materiali necessari, dove verrà proposta un’offerta educativa strutturata per fasce di età, centrata su buone pratiche di dimostrata efficacia per lo sviluppo cognitivo e socio-relazionale del bambino e per il rafforzamento delle competenze dei genitori. Non un luogo dove “parcheggiare” i bambini quindi ma dove stare insieme, piccoli e grandi. Educatori formati aiuteranno a trascorrere un tempo di qualità, facendo assieme ai genitori e ai loro bambini attività come lettura e musica condivise, gioco, espressione artistica, utilizzo appropriato delle nuove tecnologie, esplorazione e la valorizzazione del territorio. La proposta educativa è stata definita da un comitato scientifico multidisciplinare, che ha coinvolto pediatri, pedagogisti, psicologi e sociologi e si basa sui principi recentemente ribaditi nel documento internazionale “Nurturing care for early childhood development”, a cura di OMS, Unicef e altre organizzazioni internazionali, al quale il Centro per la Salute del Bambino – capofila di Un Villaggio per Crescere – ha contribuito come unico rappresentante italiano. Il nome Villaggio non è casuale, perché la finalità ultima è quella di creare una comunità educante, che sostenga nella crescita i “propri bambini” e le loro famiglie. Infatti, anche se i servizi socioeducativi sono funzionanti, spesso non bastano, così come una famiglia, anche se con competenze educative adeguate, ha comunque bisogno di una comunità che possa coadiuvarla. Esattamente come succedeva in passato nei nostri villaggi. Per questo diciamo che “per crescere un bambino, ci vuole un Villaggio”.

L’obiettivo più grande del Progetto è attivare reti locali di collaborazione tra operatori, servizi e istituzioni e la partecipazione di tutti i soggetti, pubblici e privati, affinché il Villaggio diventi un posto per tutti e di tutti, un luogo in cui “riconoscersi comunità” dove ci si prende cura della famiglia, il vero fondamento della società e per farlo, bisogna partire dai bambini.

Gli altri comuni coinvolti nel Progetto sono, oltre a San Cipriano d’Aversa, Cervinara (BN) e Pianura-Napoli (tutti in Campania), Cosenza, Siracusa, Genova, Torino, Policoro e Foligno; tutti luoghi scelti perché è palpabile la carenza di opportunità di una offerta di tipo educativo per genitori e bambini, oppure perché vi sono difficoltà economiche e culturali all’accesso e fruizione dei servizi esistenti.

Loading...