San Leucio di Caserta, a distanza di oltre due mesi non si è ancora visto l’annunciato “brulicare di cantieri”

Scrivo queste riflessioni non per polemizzare contro questa Amministrazione, anche perché nelle pagine di CasertaWeb da sempre cerchiamo di restare lontani dal contesto politico, ma per amore della verità e soprattutto della nostra terra.

In qualità di cittadino e soprattutto di leuciano mi sento tradito e anche un tantino preso in giro da alcune dichiarazioni del Sindaco Carlo Marino, rilasciate il 25 settembre 2019, a margine di una conferenza stampa tenutasi a Palazzo Castropignano.

In quella sede Marino annunciò una serie di iniziative a favore della rivalutazione del Borgo di San Leucio che sarebbero iniziate da lì a breve, addirittura aveva promesso “nelle prossime settimane”. Oggi, 5 dicembre 2019, a distanza di circa 10 settimane, dei tanti interventi annunciati con tanta enfasi è stata eseguita solo la potatura, fra l’altro ordinaria, dei platani dell’omonimo viale.

Noi non chiediamo la luna, desideriamo interventi concreti e fattibili. E soprattutto utili! Inutile promettere mari e monti quando non si riesce neppure a garantire il minimo sindacale che il cittadino si aspetta dalla propria amministrazione.

Sono certo che alla base di questi ritardi ci saranno della valide spiegazioni; del resto conosciamo fin troppo bene la lentezza della “macchina burocratica” italiana. Tuttavia, non è elargendo “caramelle ai bambini” che questi resteranno buoni ed ubbidienti per sempre, ogni tanto qualche “giocattolo” bisogna pur dare loro, altrimenti col tempo perderanno la fiducia negli “adulti”.

Loading...