Sanità, in Campania ancora bloccate le ricette dematerializzate per i malati oncologici

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Ancora al palo le emissioni delle ricette da parte degli specialisti. Depositata interrogazione per far luce sulla vicenda.

Dal 2 gennaio in Campania non doveva essere più necessario per i pazienti oncologici recarsi nell’ambulatorio del medico di famiglia per le prescrizioni di esami e terapie.
Il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Gennaro Saiello ha intanto depositato una interrogazione per chiarire cosa sia accaduto.

In tutte le Asl della regione è previsto che sia il medico specialista ospedaliero a prescrivere i controlli che si possono fare anche in ospedale e siano gli specialisti in oncologia ad effettuare anche la prenotazione sul Cup. Ma nonostante gli annunci della Giunta regionale tutto questo ancora non accade”, si chiede il Consigliere.

glp-auto-336x280
lisandro

Per queste ragioni ho depositato un’interrogazione a risposta scritta per chiedere alla Giunta regionale di attuare effettivamente la dematerializzazione delle certificazioni oncologiche da parte degli specialisti”. 

“De Luca e la sua amministrazione devono attivarsi con urgenza. Chi soffre di una patologia oncologica non può subire trafile complesse a causa di un sistema sanitario regionale inefficiente“, ha concluso Saiello.