Santa Maria Capua Vetere, ancora nessuna notizia del Premio Pasquale Fratta

Santa Maria Capua Vetere, ancora nessuna notizia del Premio Pasquale Fratta

Il concorso, indetto dalla Fondazione Avvocato Pasquale Fratta, ha lo scopo di assegnare, in base a requisiti di merito e reddito, borse di studio di 260 euro cadauna a favore di studenti o ex studenti del Liceo Classico “Cneo Nevio” e di 360 euro cadauna a favore degli studenti iscritti ad un qualsiasi corso universitario.

La Fondazione è stata fortemente voluta dall’avvocato Pasquale Fratta, il quale fu primo cittadino della Città di Santa Maria Capua Vetere dal 1925 al 1934. Ricordato in particolar modo per aver stanziato i primi fondi dedicati al restauro dei beni archeologici della città e la sistemazione degli edifici scolastici sammaritani. Successivamente nel 1975, la vedova Fratta, nelle sue disposizioni testamentarie, lasciò alla Fondazione la somma di ottanta milioni di lire per borse di studio, da destinare a giovani studenti sammaritani in disagiate condizioni economiche.

Solitamente la cerimonia di premiazione ha luogo nel Salone degli Specchi, sito all’interno del teatro Garibaldi. A causa delle problematiche arrecate dal Covid-19, non di certo ci si aspettava che tale manifestazione avrebbe avuto luogo quest’anno. Gli studenti candidati hanno atteso pazientemente notizie dal comune, il quale avrebbe dovuto fornire loro i risultati intorno ai mesi primaverili di aprile/maggio, ma nessuna notizia sembra ad oggi essere stata notificata.

In aggiunta al bonus di 250 euro fornito dalla Regione Campania, tale borsa di studio avrebbe potuto ulteriormente sostenere gli studenti nel difficile periodo di lock-down, ma sembra che né l’amministrazione comunale e né la fondazione stessa abbiano riflettuto su ciò. Ancora una volta la categoria studentesca sembra essere stata abbandonata a sé stessa e penalizzata nel ricevere il sostegno e il riconoscimento del proprio valore.