Santa Maria Capua Vetere: Consiglio Comunale aperto e straordinario in difesa dell’Ospedale Melorio

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Santa Maria Capua Vetere – Si terrà sabato 18 febbraio di mattina, alle 10.30, presso il cortile di Palazzo Lucarelli, la seduta straordinaria di Consiglio Comunale “aperto” che vedrà il Sindaco Antonio Mirra relazionare in merito alla proposta di delibera di consiglio con l’obiettivo, unanimemente condiviso nella conferenza dei capigruppo, di impegnare l’Asl Caserta rispetto agli impegni assunti durante l’incontro dello scorso 31 gennaio.

In quella circostanza, il Sindaco Mirra – in presenza di una rappresentanza sia della maggioranza che della minoranza – chiedeva chiarimenti su tre punti ritenuti fondamentali rispetto all’offerta sanitaria del territorio e, in particolare: tempi di riapertura del pronto soccorso, ruolo dell’Ospedale Melorio nell’ambito del piano aziendale dell’Asl e quindi nell’offerta sanitaria provinciale, disponibilità dell’Asl ad investimenti per una nuova sede del distretto sanitario. Rispetto a tali temi veniva positivamente accolto dai presenti il riscontro fornito dal Direttore Generale dell’Asl dott. Blasotti.

glp-auto-336x280
lisandro

Di contro, l’ultimo atto aziendale dell’Asl prevede un ridimensionamento dello stesso Ospedale Melorio con la soppressione dell’UTIC e dell’UOC della Farmacia Ospedaliera.

Da qui la necessità di un atto istituzionale che “impegni l’Asl al rigoroso rispetto degli impegni assunti” attraverso la delibera, che si andrà a discutere domani, il cui contenuto è stato anche già condiviso dai Sindaci dei Comuni di Capua, Adolfo Villani, Casapulla, Renzo Lillo, Curti, Antonio Raiano, Grazzanise, Enrico Petrella, Macerata Campania, Stefano Cioffi, San Prisco, Domenico D’Angelo, Santa Maria la Fossa, Nicolino Federico e San Tammaro, Vincenzo D’Angelo.

Anche le fasce tricolore degli altri Comuni saranno presenti ai lavori del Consiglio Comunale per ribadire, ancora una volta e all’unanimità, la necessità di garantire il pronto soccorso e un’offerta sanitaria adeguata ad un territorio che si rivolge ad oltre 100.000 cittadini.