Santa Maria Capua Vetere: divieti condivisi con Caserta ed i comuni limitrofi per il 31 dicembre

Nella città di Santa Maria Capua Vetere sono 481 i cittadini che risultano attualmente positivi al Covid, 99 in più in 24 ore a fronte di soli 11 guariti nello stesso arco di tempo secondo i dati dell’Asl di Caserta aggiornati al 30 dicembre.

La nuova ondata di Covid non ha risparmiato, naturalmente, la città del foro. In occasione del 31 dicembre non sarebbe stato difficile prevedere i grandi assembramenti soprattutto di giovani – provenienti anche dai comuni limitrofi – ed in particolare nella zona dell’Anfiteatro Campano per i tradizionali brindisi ed aperitivi prima del cenone.

Non tutti sembrano avere paura del contagio e poi la movida è sempre la movida. Così il sindaco Antonio Mirra ha annunciato una nuova ordinanza sindacale contenente nuovi divieti condivisi con i vicini comuni di Caserta, Capua, San Prisco, San Tammaro:

In considerazione della situazione epidemiologica attuale, in particolare sull’intero territorio provinciale e cittadino, e in considerazione del superamento – nella precedente settimana – di entrambi gli indici regionali del sistema di alert dell’Unità di Crisi e in vista del prossimo Capodanno, si è ritenuta opportuna l’adozione di ulteriori misure volte a contrastare, in maniera ancora più rigida, la diffusione dei contagi da Covid-19 in aggiunta a quelle già previste dal D.L. 221 del 17 dicembre e dalle Ordinanze Regionali n.27 del 15 dicembre e n.28 del 19 dicembre.

In tale ottica il Sindaco Mirra ha sentito i Sindaci di Caserta Marino, di San Prisco D. D’Angelo, di San Tammaro V. D’Angelo e il Commissario Prefettizio di Capua dott.ssa Sorrentino, ed è stata condivisa la linea di uniformare le misure anche al fine di evitare spostamenti della movida dell’ultimo dell’anno tra Comuni limitrofi e quindi situazioni di gravi assembramenti e di pericolo nei Comuni in cui non viene adottata tale misura laddove adottata nei Comuni limitrofi;

inoltre il Sindaco Mirra ha sentito il Direttore del Distretto Sanitario dott. Frascaria il quale ha esplicitamente invitato i Sindaci ad adottare misure di massima prudenza e il Presidente della Camera di Commercio il quale ha concordato l’opportunità di tali misure.

Sarà pertanto disposto con Ordinanza Sindacale, sulla falsa riga di quella già emanata dal Sindaco di Caserta, anche il divieto di servizio ai tavolini esterni di bar ed esercizi commerciali similari ed il servizio al banco all’interno degli stessi, dalle ore 11 del 31 dicembre alle ore 5.00 del mattino seguente; nonché la sospensione di ogni evento di intrattenimento, anche musicale, presso tutti gli esercizi commerciali presenti sul territorio comunale.

Tale misura rappresenta un ulteriore irrigidimento rispetto a quanto già previsto con Ordinanza Regionale che già vieta l’asporto nei giorni 31 dicembre e 1 gennaio, nonché il consumo di cibo e bevande, ad esclusione dell’acqua, nelle aree pubbliche fino al 1 gennaio 2022.

Si tratta di una decisione che fonda le basi sul grave incremento di contagi da Covid-19, in particolare negli ultimi 10 giorni. Nella nostra Città i cittadini attualmente positivi sono 481, di cui 99 nuovi positivi soltanto nella giornata del 29 dicembre.