Sassaiola contro un bus di Air Campania diretto a Mondragone, non è un caso isolato

Trasporti: nuovi collegamenti Caserta-stazione Afragola-aeroporto di Capodichino-stazione centrale di Napoli
glp-auto-700x150
sancarlo
previous arrow
next arrow

AIR Campania segnala un nuovo raid vandalico contro uno dei propri bus in servizio per il trasporto pubblico locale. Nel mirino dei balordi, questa volta, un mezzo in servizio sulla linea Napoli-Mondragone.

L’agguato, l’ultimo della serie, si è verificato nella serata di ieri: una fitta sassaiola contro il mezzo in corsa ha mandato in frantumi un finestrino laterale e ha fatto saltare lo specchietto retrovisore. Fortunatamente non vi erano passeggeri a bordo al momento dell’agguato. L’autista, rimasto illeso, è riuscito a fermare il mezzo in sicurezza e ad allertare i carabinieri.

lisandro
lapagliara
SanCarlo50
previous arrow
next arrow

I fatti registrati negli ultimi mesi si sono verificati tutti sulle tratte che, passando da Aversa, conducono a Castel Volturno e Mondragone.

Ad oggi sono cinque i bus finiti nel mirino dei vandali. Ai danni economici per le riparazioni si aggiungono anche i disagi provocati all’utenza a causa dello stop dei mezzi messi fuori uso.

Dopo i raid registrati a gennaio e l’ennesima aggressione ad un autista sulla stessa linea, nei giorni scorsi AIR Campania ha inviato una nota al Prefetto di Caserta sollecitando controlli più frequenti da parte delle Forze dell’Ordine nelle zone considerate a rischio.

«Questi delinquenti mettono a repentaglio l’incolumità dei viaggiatori e degli autisti, oltre al rischio di vanificare gli sforzi fatti per garantire un servizio diffuso. È necessario quanto prima un tavolo di concertazione per individuare le misure di contrasto a questi continui episodi di violenza», ha detto l’amministratore Anthony Acconcia.

Nel frattempo, l’azienda per garantire la sicurezza dei passeggeri e dei dipendenti, sta valutando di apportare modifiche al percorso dei bus. Modifiche che comporteranno disagi e difficoltà aggiuntive per gli utenti che dipendono dal trasporto pubblico per raggiungere le proprie destinazioni quotidiane. Al vaglio degli uffici anche la possibilità di sopprimere, di concerto con la Regione, la linea per Mondragone, per motivi di sicurezza.