La scuola media San Giovanni Bosco di Trentola Ducenta vince il concorso nazionale di Essity e Librì Progetti Educativi

La scuola media San Giovanni Bosco di Trentola Ducenta vince il concorso nazionale di Essity e Librì Progetti Educativi (In)Sostenibili Terrestri
termotecnica-2023
termotecnica-2023
previous arrow
next arrow

La Campania  è la regione in cui la campagna educativa ha ricevuto il maggiore numero di adesioni

E’ terminata la prima edizione del concorso (In)Sostenibili Terrestri, il progetto didattico di Essity e Librì Progetti Educativi che ha coinvolto oltre 12.500 studenti in tutta Italia.

In questo contest gli studenti in prima persona hanno avuto modo di individuare e poi raccontare i comportamenti non sostenibili dei territori in cui vivono, proponendo soluzioni atte a migliorare la realtà.

lapagliara
lapagliara
GPL-AUTO
previous arrow
next arrow

Gli studenti della classe 1D della scuola secondaria di primo grado San Giovanni Bosco di Trentola Ducenta vincono il concorso (In)Sostenibili Terrestri

È giunta al termine la prima edizione della campagna educativa “(In)Sostenibili Terrestri – Piccoli gesti per salvare il Pianeta”, realizzata da Essity – azienda multinazionale leader nei settori dell’igiene e della salute, nota per i suoi brand TENA, Nuvenia, Tempo, Tork, Demak’Up, Libero, Leukoplast, Jobst e Actimove. L’iniziativa è stata sviluppata, nell’anno scolastico 2023-24, in collaborazione con Librì Progetti Educativi, partner specializzato e accreditato al MIUR, ed ha visto coinvolti più di 12.500 studenti in tutta Italia.

La campagna educativa si è rivolta a insegnanti e studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado che, nell’ambito delle ore di insegnamento di Educazione Civica, hanno avuto modo di sperimentare in classe un percorso didattico ricco di laboratori e attività educative sulle emergenze ambientali più importanti della nostra società oggi, scoprendo i comportamenti sostenibili che è necessario adottare quotidianamente: dall’emergenza rifiuti alla mobilità, dallo spreco idrico e alimentare al risparmio energetico, fino all’economia circolare.

In Campania, regione in cui la campagna educativa ha ricevuto il maggiore numero di adesioni insieme alla Lombardia, il progetto ha coinvolto circa 1700 alunni, 69 classi e 69 insegnanti

Oltre alla parte educativa svolta in aula, gli alunni si sono poi trasformati in veri e propri cronisti pronti a realizzare un’inchiesta dedicata a un’emergenza ambientale del loro territorio, quartiere o paese.

Attraverso la realizzazione di un video, un podcast o una presentazione digitale, i ragazzi hanno raccontato l’indagine svolta e proposto una soluzione che potrebbe risolvere l’emergenza ambientale

La valutazione degli elaborati – fatta da una giuria composta da rappresentanti di Essity, Legambiente e di Librì – si è basata su tre criteri: Originalità ed efficacia della presentazione del progetto, Originalità della soluzione innovativa e Interdisciplinarità del progetto.

La Classe 1D della scuola secondaria di primo grado San Giovanni Bosco di Trentola Ducenta (CE) ha ottenuto il 1° premio grazie all’impegno mostrato nella progettualità e alla capacità interdisciplinare dimostrata, evidenziando un’analisi critica del territorio e offrendo soluzioni accessibili anche ai più giovani.

La professoressa Cristiana Anna Addesso ha commentato: “Siamo orgogliosi di questo riconoscimento; gli alunni si sono molto impegnati per elaborare un progetto che fosse non solo ben sviluppato ma che offrisse soprattutto soluzioni realizzabili sul nostro territorio con un focus specifico sul contesto scolastico.

I preadolescenti e gli adolescenti sono molto sensibili a tematiche come la sostenibilità, l’inquinamento, lo spreco di cibo, di energia e di acqua, l’economia circolare, grazie alla scuola ma anche grazie ai media e ai social.

Trovare aziende che non solo sviluppano ottimi materiali didattici ad hoc, ma che organizzano concorsi utili a coinvolgere attivamente gli studenti è fondamentale per dare sempre maggiore visibilità a questi temi aumentando la loro consapevolezza”.

Il Dirigente Scolastico Michele Di Martino ha affermato: “Il premio dà lustro alla nostra istituzione scolastica, confermandone la mission volta a formare cittadini responsabili e consapevoli del valore della legalità, dell’inclusione e della sostenibilità”.

La stessa classe ha anche ottenuto la Menzione speciale “Essity Breaking Barriers” assegnato per aver proposto una soluzione in grado di abbattere alcune barriere che impediscono l’accesso sostenibile alla scuola.

“È stato per noi un piacere premiare l’impegno e la progettualità di questi ragazzi che hanno dimostrato quanto talvolta possa essere semplice agire in maniera sostenibile grazie a piccoli gesti, azioni o scelte quotidiane che possono eliminare alcune delle barriere che impediscono il benessere delle persone a 360°” ha commentato Laura Deni, Communication Manager di Essity Italia.

“Essity si impegna da sempre per rompere le barriere al benessere delle persone, creando valore sostenibile negli ambiti di igiene e salute e contribuendo alla salvaguardia del pianeta con le nostre innovazioni, e siamo convinti che il coinvolgimento attivo delle nuove generazioni sia fondamentale. È per questo motivo che abbiamo intrapreso questo fantastico cammino al fianco di Librì, editore leader in Italia nei progetti realizzati per le scuole”.

I progetti vincitori possono essere visionati sul sito dedicato www.insostenibiliterrestri.it.