“Scuola Viva”, la Regione Campania in campo contro la dispersione scolastica

Ritorno a scuola in Campania
La Giunta della Regione Campania ha approvato la proposta progettuale “Scuola Viva” che prevede la programmazione di nuovi interventi con l’obiettivo di rafforzare la relazione tra scuola, territorio, imprese e cittadini e contrastare il fenomeno della dispersione scolastica. In continuità con l’attuale programmazione, è stata deliberata la prosecuzione per un ulteriore quadriennio.
Scuola Viva potrà contare su oltre 115.000.000 di euro per la seconda edizione pluriennale del programma che tiene aperte le scuole anche nelle ore pomeridiane per progetti scolastici che spaziano dalle materie di base alla comunicazione, dal teatro alla musica.
Il provvedimento deliberativo vara anche uno speciale programma di intervento dedicato allo sport e alle attività motorie denominato: “Corpore sano Campania”, con l’egida e supervisione del Coni.
“Il progetto “Scuola Viva” – ha dichiarato l’assessore Lucia Fortini – rappresenta un vero e proprio modello educativo incentrato sui giovani che apre le scuole al territorio e alla comunità scolastica con attività di laboratoriali multidisciplinari, in continuità con l’azione di contrasto alla povertà educativa già avviato negli anni scorsi”.

E la regione Campania mette a disposizione un ulteriore milione di euro per interventi volti a prevenire casi di povertà educativa. Si tratta di un intervento importante ratificato nell’ultima Giunta che certifica l’attenzione dell’esecutivo regionale sui minori a rischio.

La dispersione scolastica, infatti è un fenomeno ancora troppo diffuso nelle nostre aree e con la pandemia e l’acuirsi delle difficoltà economiche per molte famiglie, senza un attento piano, si corre il rischio di vedere aumentato il numero dei ragazzi che abbandonano la scuola“. A dichiararlo è il consigliere regionale Vincenzo Santangelo.