Seconda manche “Vaccini liberi” all’ospedale di Marcianise: un successo fino a notte inoltrata

Seconda manche Vaccini liberi all'ospedale di Marcianise, un successo fino a notte inoltrata

La prima inziativa pensata per vaccinare con prenotazione libera all’Ospedale di Marcianise del 27 e 28 aprile non aveva prodotto grandi risultati, poche le somministrazioni di AstraZeneca registrate rispetto all’offerta.

Ma quando ieri 3 maggio l’annuncio della nuova tornata vaccinale al presidio ospedaliero A. Guerriero di Marcianise, valida per il solo pomeriggio ha incominciato a diffondersi, a dimostrazione anche di una rinnovata sensibilità e consapevolezza della popolazione rispetto all’importanza e alla necessità di questo atto di responsabilità civica, è iniziato un vero tam tam di passa parola, di notizie e informazioni.

I social si sono scatenati, anche perché la comunicazione istituzionale inizialmente non c’è stata, o quanto meno si è diffusa con difficoltà e in maniera confusa, prima tutti, poi solo gli over 50, poi di nuovo tutti, il web è impazzito. L’app di messaggistica WhatsApp ha registrato centinaia messaggi di avviso.

Sta di fatto che già nel primo pomeriggio la fila per poter prendere il numeretto di prenotazione in quel di Marcianise era notevole. Persone in coda per tantissimo tempo: “Prenotato alle 15.30 mi sono vaccinato alle 19.30“, racconta uno tra tutti, Francesco Apperti, consigliere comunale di Caserta.

Ed è tra i fortunati. Molti hanno atteso fino a notte inoltrata, stoici. Stanchi ma convinti. E c’è anche chi ha agito d’astuzia, ha prenotato in serata ed è andato via, si è fatto due conti ed è tornato in tempo sul posto più o meno alle 23 e ha potuto vaccinarsi a mezzanotte.

Insomma, una giornata difficile ma fruttuosa. Alcuni infermieri che hanno partecipato alla tornata vaccinale ancora oggi commentano con incredulità: “Non ci aspettavamo questa risposta – ci racconta Pasquale – noi eravamo sgomenti ma contenti. Ancora una volta il nostro sacrificio avrà un significato e vedere che le persone rispondono ci fa sentire pieni di energia per continuare questo tour de force”.

Il bacino dei vaccinati si sta decisamente allargando. Con la speranza e la convinzione che ci sarà un tempo non troppo lontano in cui poterci sentire chiamare “covid free”.