Sedici comuni insieme per lo sviluppo turistico dell’Alto Casertano, nasce l’app Laocoonte City Tour

SANCARLO50-700
ENJOY1
delpicar-t-toc
previous arrow
next arrow

Alto Casertano – Alvignano, Carinola, Calvi Risorta, Castello del Matese, Conca della Campania, Francolise, Gioia Sannitica, Piedimonte Matese, Pietramelara, Prata Sannita, San Gregorio Matese, San Potito Sannitico, Rocca d’Evandro, Roccamonfina, Sessa Aurunca e Teano: questi i 16 Comuni consorziati in Progetto Laocoonte, una nuova Pubblica Amministrazione costituita per il recupero e la valorizzazione dei beni culturali, architettonici e paesaggistici dell’Alto Casertano finalizzati allo sviluppo turistico del territorio. Il pubblico Consorzio Laocoonte supporta oggi operativamente, con metodologie innovative e nuove strumentazioni, le amministrazioni comunali nelle attività di sistemica riqualificazione dei tessuti storici mediante programmi e progetti complessi, avvalendosi di giovani professionisti qualificati nei settori del restauro, della storia dell’arte, dell’archeologia e dell’ingegneria.

A seguito di campagne di monitoraggio dei centri storici attraverso rilievi tridimensionali effettuati con riprese fotografiche aree con droni e strumentazioni digitali di ultima generazione, i cui risultati sono confluiti in un Sistema Informativo Territoriale (SIT), sabato 26 maggio 2018 alle ore 10,30 presso l’ex Casina in Piazza Umberto I a Teano il consorzio di Comuni Laocoonte presenta l’App Laocoonte City Tour.

nantisciaban

Si tratta di un’applicazione per dispositivi mobili che rappresenta un interessante strumento, attualmente unico esempio sul territorio, per conoscere e promuovere a fini turistici il patrimonio culturale e paesaggistico dell’Alto Casertano. Laocoonte City Tour accompagna il turista durante il suo viaggio di scoperta dei centri storici con itinerari storico-artistici e informazioni aggiornate in tempo reale su teatri, castelli, strade storiche, parchi, musei territoriali, edifici e complessi religiosi, aree archeologiche e palazzi storici. I contenuti dell’App, in continua fase di implementazione, concorrono a una conoscenza tout court del territorio, che non può prescindere anche dalle strutture ricettive locali e dal patrimonio immateriale dell’Alto Casertano, fatto di importanti manifestazioni culturali.