Sesso e tabù, come sono cambiati nel corso del tempo

Sesso e tabù, come sono cambiati nel corso del tempo

Il sesso è ancora visto da molti come un campo pieno di tabù e di proibizioni, nonostante viviamo in una società che ha sdoganato moltissime altre cose impensabili fino a solo qualche decennio fa.

Nonostante soprattutto i giovani siano immersi in un mondo digitale, in cui trovare informazioni è semplicissimo, troppi ragazzi non sono affatto informati sulle tematiche legate al sesso.

Il fatto di vivere in un paese influenzato dalla morale religiosa, infatti, ha spesso impedito una corretta educazione sessuale, rendendo così l’argomento qualcosa per cui provare vergogna, paura o senso di colpa. Ecco alcuni degli argomenti che rappresentano ancora un tabù.

La masturbazione

Nonostante sia un atto totalmente naturale e fisiologico, si tratta di una pratica a lungo criticata e in un certo senso vista come “sbagliata” o “immorale”. Soprattutto negli ultimi due decenni, finalmente è stata più o meno sdoganata, ma per lungo tempo è stato, soprattutto per le donne, qualcosa di cui non parlare. Oggi, anche grazie a serie TV come Sex Education e un’informazione più a portata di mano, si registra nelle statistiche una crescita annuale costante di uomini e donne che praticano la masturbazione.

La richiesta di escort

Un altro argomento che viene ancora considerato “immorale” da alcuni è quello legato alle escort. Molte persone, invece, per i motivi più disparati, ricercano la compagnia di ragazze o ragazzi senza alcun pregiudizio. L’importante è scegliere la compagnia giusta su siti sicuri come CharmEscorts.com, per il resto ognuno è libero di passare il proprio tempo con chi vuole e come crede, senza dover sottostare a dei giudizi morali che di naturale non hanno niente. Anche questa pratica, infatti, sta iniziando a essere comune in molte città in Italia, con le statistiche che parlano di circa 90-120.000 lavoratrici e lavoratori nel settore, segno che qualcosa sta cambiando nella mentalità italiana.

Sex toys per tutti

Molte serie TV sembrano implicare che molte donne li utilizzino, ma in realtà le “confessioni” a riguardo non sono molte e comunque sono meno che nel resto d’Europa: in Germania e nel Regno Unito il 60% dichiara di usarne, contro il solo 30% delle donne in Italia. Anche questo tabù, però, sembra stia crollando: la percentuale di utilizzatrici di sex toys nel 2017 era solo il 17%, dunque la crescita nel trend è costante e fa ben sperare.