Sfregiò la professoressa al volto, studente torna libero: dovrà dedicarsi al volontariato

La professoressa Di Blasio con l'ex ministro all'Istruzione Valeria Fedeli

Santa Maria a Vico (Caserta) – Dopo poco più di 8 mesi trascorsi nel carcere minorile dei Colli Aminei torna in libertà il 17enne Rosario, lo studente di Acerra che il 2 febbraio scorso, dopo aver rifiutato l’interrogazione, accoltellò al volto, sfregiandola, la sua insegnante di italiano Franca Di Blasio. Ciò accadeva all’interno dell’istituto Majorana-Bachelet di Santa Maria a Vico e pochi giorni dopo il gravissimo episodio lo studente si scusava con l’insegnante motivando il gesto con il forte stato di stress dovuto alle condizioni di salute della nonna, alla quale era molto legato e che sarebbe poi deceduta pochi giorni dopo il suo arresto.

Come riportato dal quotidiano “Il Mattino”, la richiesta di messa alla prova di un anno, presentata dal legale del giovane è stata accolta dal gip Draetta e Rosario potrà tornare ora in libertà. Dovrà però dedicarsi al volontariato e lo farà fornendo assistenza alle persone anziane in attesa di poter tornare in aula all’inizio del prossimo anno scolastico.