Si è concluso con la visita alla Reggia di Caserta il Campo Vesuvio Lions

GIORDANI
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Caserta – Occhi sgranati ed espressioni di ammirazione e di compiacimento hanno caratterizzato la full immersion dei ragazzi di varia nazionalità in visita al complesso vanvitelliano di Caserta a conclusione della 29esima edizione del Campo Vesuvio, consolidata area di servizio Lions del Multidistretto 108 Italy.

L’ organizzazione della visita è stata curata dal Lions Club Caserta Host. I graditi ospiti sono stati accolti dal Presidente Alberto Zaza d’Aulisio e dal Primo Vice Presidente Francesco Maria Perrotta, che hanno anche provveduto a munirli di adeguate pubblicazioni di informazione turistica. “Mai goduto tanto concentrato di meraviglie” la sintesi dei commenti di Jean Hechtfish (Austria), Barbara Tedesco Salvagni (Brasile), Daniel Velikov (Bulgaria), Pinja Maria Kaihovaara ( Finlandia), Robin Aiolfi (Francia), Tekla Abramishvili (Georgia), Anke Pollack e Lia Stelling (Germania), Chloe Bushrod (Inghilterra), Evyatar Gefen (Israele), Alejandro Quintero Huerta ( Messico), Caroline Karlsen (Norvegia), Natasa Bogdanovic (Serbia), Anna Galiana Perez (Spagna), Minnah Rajko (Svezia), Doga Cikim e Zeynep Erbaysal (Turchia), Greta Gombos ( Ungheria), Bailey Hanson e Mia Rentmeester (USA/Minnesota), accompagnati dai Camp Leaders Ilaria Caiazza, Ilenia Indemmineo, Diego Mastronardi, Marta Murolo e Giacomo Ruotolo.

sancarlolab-336-280

“Ormai una ritualità la presenza del Campo Vesuvio nella magniloquente dimora borbonica”. Così Carmela Penna, direttore del service distrettuale 108 Italy. Prima della tappa finale a Caserta, i ragazzi avevano visitato il sito archeologico di Cimitile, l’Osservatorio Vesuviano, il sito archeologico di Capo Miseno, il Museo archeologico di Soverato, il castello di Roccella Ionica, Matera/Città dei Sassi, Capri ed Anacapri, Sorrento e Salerno.