Il sindaco di San Tammaro ha ricevuto Noemi de Vincentis, semifinalista nazionale di Miss Mondo Italia

Noemi de Vincentis con il sindaco di San Tammaro Vincenzo D'Angelo. Foto di Carmine Andreocci.
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Questa mattina – martedì 31 maggio – il Sindaco di San Tammaro, avv. Vincenzo D’Angelo, ha ricevuto presso la sede del Comune la sua concittadina Noemi de Vincetis, semifinalista nazionale di Miss Mondo.

La giovanissima Noemi, insieme alle casertane Giorgia Crispo e Gabriella Verile, è rientrata tra le 10 semifinaliste nazionali selezionate in Campania per le fasi nazionali del concorso di Miss Mondo Italia. Noemi de Vincentis, 19 anni di età, lavora già come modella e studia da attrice.

glp-auto-336x280
lisandro

Domani Noemi – così come le altre semifinaliste nazionali provenienti da tutta Italia – partirà per Gallipoli, dove si terrà la fase finale del concorso di Miss Mondo Italia 2022. La vincitrice assoluta sarà designata, dopo numerose prove, la sera del 18 giugno e rappresenterà l’Italia nella finale mondiale di Miss World.

Nell’incontro di questa mattina il sindaco Vincenzo D’Angelo ha voluto esprimere il proprio orgoglio ed i migliori auguri per Noemi da parte anche della comunità tammarese:

“Tra le semifinaliste di Miss Mondo – il prestigioso e più antico concorso di bellezza e talento che oggi rappresenta 140 Paesi – anche una tammarese, Noemi De Vincentis. È per la nostra comunità motivo di orgoglio. Un grosso in bocca al lupo alla nostra semifinalista e concittadina con l’augurio che possa proseguire il suo percorso e realizzare il suo sogno raggiungendo già questo prossimo traguardo. Ad Maiora!”

“Per me è stata una grande emozione trovarmi accanto ad un’autorità come il sindaco, un simbolo per noi tammaresi – ha dichiarato Noemi de Vincentis – mi sono sentita a casa, questo incontro mi ha dato una grandissima carica per poter affrontare questo lungo percorso che è molto importante per me.

Sto ricevendo molto supporto dalla mia comunità, spero di portare a casa una fascia anche per rendere orgogliosa la mia Città. Auguro a me stessa il meglio da questa esperienza”.