Sold-out per il Concerto di Caserta della Campania Feelix Jazz Orchestra al Teatro Parravano

Caserta – Ieri sera al Teatro Parravano di Caserta, nell’ambito di Comunalia Caserta, la Campania Feelix Jazz Orchestra ha fatto il sold-out con il suo Concerto per Caserta. Il teatro pieno come non mai, ha assistito attento e divertito all’esibizione dei venti musicisti diretti dal Maestro Pietro Condorelli.

Dopo la presentazione di Pasquale Iaselli, presidente dell’Associazione Feelix da dove è nata “quasi per gioco” l’ensemble musicale, sono stati rivolti i ringraziamenti all’assessore Emiliano Casale e all’assessore Tiziana Petrillo in rappresentanza del Comune di Caserta per l’impegno profuso in tutto il ricco cartellone di eventi natalizi donati alla Città di Caserta.

Il concerto è iniziato in grande stile, come si addice ad una grande orchestra, con un simpatico gioco musicale utile a riscaldare gli strumenti, che ha introdotto l’ingresso in scena del maestro Condorelli.

La magistrale esecuzione di “Corcovado”, un classico di Tom Jobim, ha scaldato l’atmosfera del Teatro Parravano con il sax di Andrea Ventriglia nel ruolo di parte solista.

Il concerto è proseguito con un crescendo di emozioni, con le dotte introduzioni ai brani tenute sapientemente dal Maestro Condorelli, che è anche titolare della cattedra di jazz presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli.

Fra gli altri, è stato proposto l’inno della Città di Caserta, opera composta dal maestro Francesco Marchesiello e con arrangiamento musicale curato dallo stesso Condorelli. Questo brano è stato eseguito il 15 dicembre scorso in occasione del Bicentenario della Città di Caserta Capoluogo di Provincia.

Sul finire della serata la ciliegina sulla torta è stata l’esibizione del giovane Davide Battista, trombettista di solo dieci anni: un vero fenomeno che ha mandato in visibilio il pubblico in sala.

Il giovane Davide Battista durante la sua esibizione (clicca sulla foto per vederlo all’opera)

Campania Feelix Jazz Orchestra

Sax: Andrea Ventriglia,  Maurizio Conte, Giuseppe Giroffi, Gianni D Argenzio, Emilio Merola
Gianni Taglialatela
Trombe: Carmine Pascarella, Flavio Dapiran, Nicola Di Donna, Almerigo Pota, Benny Brignola
Tromboni: Giuseppe Casanova, Attila Mahovics, Cosimo Gargiulo, Pietro Natale
Piano: Antonio Perna
Contrabbasso: Valerio Mola
Batteria: Giampiero Franco
Percussioni: Luciano De Fortuna
Direzione: Pietro Condorelli

Pietro Condorelli

Nato a Milano ma di origini casertane, Pietro Condorelli, dopo aver ottenuto il diploma in chitarra classica e una laurea al DAMS dal 1980 svolge attività concertistica e professionale sia in Italia che all’estero. Ha collaborato con importanti esponenti del jazz internazionale come Lee Konitz, Paolo Fresu, Franco Cerri, Giulio Capiozzo, Gary Bartz, George Cables, Jimmy Wood, Fabrizio Bosso, Charles Tolliver, Bob Mover, segnalandosi come uno dei migliori chitarristi jazz italiani.
Ha collaborato stabilmente, dal 1994 al 1996 con il noto gruppo di jazz e progressive rock degli Area. Nel 1997 ha vinto il referendum della critica “Top jazz” (Musica Jazz) come miglior nuovo talento. Oltre alla carriera musicale ha al suo attivo un’intensa attività didattica, avendo svolto il ruolo di interprete e coadiuvatore in seminari di diversi chitarristi di fama internazionale come Mike Stern, Mick Goodrik, Jim Hall.