Sparò al migrante 19enne nel centro accoglienza, Della Gatta a giudizio

Gricignano d’Aversa (Caserta) – Sparò e ferì gravemente alla bocca il 19enne gambiano Alagiee Bobb, ospite del centro accoglienza “La Vela” di Gricignano d’Aversa: ora l’imprenditore casertano Carmine Della Gatta sarà sottoposto a giudizio immediato e dovrà rispondere di tentato omicidio. L’udienza è stata fissata per il mese di maggio.

Il caso, del quale si è occupato anche “la iena” Giulio Golia, risale al novembre scorso, quando il migrante diede fuoco alla stanza del centro in cui era ospitato per protesta (avrebbe chiesto assistenza medica senza essere considerato). Ne nacque una violenta lite nella quale intervenne, armato, anche Carmine Della Gatta, uno dei gestori del centro, che colpì il 19enne alla bocca riducendolo in fin di vita. Il migrante è rimasto per alcune settimane ricoverato al Cardarelli di Napoli prima di recuperare la possibilità di parlare ed essere dichiarato fuori pericolo. Della Gatta invece quella tragica sera di novembre ha riportato diverse ferite sul volto: ha sempre dichiarato di aver fatto fuoco dopo che il giovane extracomunitario lo aveva colpito al volto con una pietra.