Sparò al migrante, arriva la condanna per l’imprenditore Della Gatta

Gricignano d’Aversa (Caserta) – Arriva la condanna per Carmine della Gatta, l’imprenditore accusato di aver sparato la sera del 10 novembre 2017 un colpo di pistola in bocca all’immigrato 19enne Alagiee Bobb, all’epoca ospite del centro di accoglienza “La Vela”. Il Gup del Tribunale di Napoli Nord ha inflitto a Della Gatta, uno dei gestori del centro di accoglienza di Gricignano, la pena di 4 anni e 8 mesi, riconoscendogli come attenuante l’offerta di risarcimento del danno presentata dall’imprenditore. Il pm aveva infatti chiesto una condanna a 5 anni e due mesi. Dopo il grave episodio, sul quale ha indagato anche Giulio Golia della trasmissione “Le Iene”, il centro venne chiuso.

Stando alla ricostruzione ufficiale dei fatti il fatto avvenne dopo che il giovane gambiano appiccò il fuoco alla stanza in cui era ospitato in segno di protesta. A quel punto  Della Gatta, giunto sul posto armato, sparò un colpo d’arma da fuoco al volto del 19ene. Della Gatta sostiene di aver sparato dopo essere stato colpito al volto con una pietra dal giovane gambiano.