Spezzatino di tacchino con piselli e funghi secchi

spezzatino di tacchino

Lo spezzatino napoletano ha origini antichissime, molto simile al più antico stufato, una calda zuppa di carni molto fibrose, accompagnate da vari ortaggi, cotte a lungo appunto sulle stufe a legna.

Spezzatino deriva dal taglio a pezzi più o meno piccoli, della carne, di solito manzo, o asino. La carne di tacchino, più tenera e leggera, è stata introdotta in Italia nel 1520, quando una coppia di questi, fu regalata dal vescovo spagnolo al cardinale di Roma.

Ricetta per 4 persone:
800 gr di spezzatino di tacchino
200 gr di piselli
2 cipolle dorate
4 cucchiai di olio extra
Una bustina di funghi misti secchi
Una costa di sedano
1 bicchiere di birra bionda
Sale e pepe q.b.

Preparazione:
Mettere in ammollo i funghi secchi in una soluzione di acqua e latte per una mezz’ora. In una larga padella, olio extra, cipolle e sedano tagliati sottili e far soffriggere 5 minuti. Aggiungere lo spezzatino, far andare una decina di minuti e sfumare con la birra. Intanto strizzare bene i funghi e filtrare il liquido. Unire i piselli, i funghi con il loro liquido, un mezzo bicchiere di acqua, coprire e far cucinare a fuoco lento circa un ora e mezza.