Sta bene il ragazzo volato da 10 metri l’antivigilia di Natale a Caserta nella ex Saint Gobain

Credit Photo CasertaWeb, vietata la riproduzione senza citarne la fonte

Sta bene Pasquale P. Il ragazzo di 17 anni divenuto involontariamente famoso alle cronache per aver scampato la morte dopo un salto di oltre 10 metri.

Pochi giorni prima di Natale, il 17enne con un amico giunge in bici dalla frazione di Casolla, nella zona della ex Saint Gobain e insieme all’amico decidono di scalare la ciminiera della vecchia vetreria, parte tra l’altro del set della serie appena trasmessa in tv, L’amica Geniale.

Si tratta di una struttura di oltre 10 metri, una scalata non facile ed infatti Pasquale ed il compagno di avventura perdono l’equilibrio e prima di filmare con lo smartphone l’impresa cadono nel vuoto schiantandosi al suolo. Pasquale rimane a terra, l’amico miracolosamente illeso lancia l’allarme.

L’intera città è rimasta con il fiato sospeso per la sua sorte. Oltre 10 giorni di prognosi riservata all’azienda Ospedaliera di Caserta, salvo per miracolo, ma ce l’ha fatta.

Questa mattina, nel corso di uno dei nostri giri al nosocomio del capoluogo, lo abbiamo incontrato, sorridente, abbastanza riposato e anche un po’ imbarazzato alle nostre domande.

“Ma che volevi fare Pasquale”? Gli chiediamo con piglio materno più che giornalistico: “Volevamo guardare il panorama mozzafiato dall’alto” risponde con un candore un po’ sornione.

Ed ora come stai? Che pensi dopo quello che è successo? “Sto sicuramente meglio, era collassato un polmone ma mi sto riprendendo. Mi ha salvato quella pozzanghera, incredibile, l’unica piena d’acqua di tutta la zona.
Penso che sono stato uno scemo e che non lo rifarei mai più. Non vedo l’ora di ritrovare i miei compagni e tornare a casa”.

Ce ne andiamo contenti, grazie al Cielo una storia a lieto fine nonostante una bravata gravissima che poteva avere esiti senza ritorno. Dalla soglia della porta lo salutiamo, non possiamo non chiedergli una foto di vittoria e lui stende i pollici: “Ce l’ho fatta. Sono un miracolato”!

Lo sei Pasquale. Buona guarigione.