“Stanze di Carta”, tornano gli incontri di lettura al Palazzo Tartaglione di Marcianise

Stanze di Carta, tornano gli incontri di lettura al Palazzo Tartaglione di Marcianise
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Il prossimo incontro del gruppo di lettura “Stanze di Carta” si svolgerà domenica 7 aprile 2024  per discutere del libro “Menzogna e sortilegio” di Elsa Morante.

L’incontro si terrà alle ore 17.30, in una delle sale di Palazzo Tartaglione a Marcianise.

Come parte del ciclo di incontri dal titolo: “Il femminismo visto attraverso la lente delle scrittrici italiane del Novecento“, il gruppo aveva già analizzato il libro di Sibilla AleramoUna donna” lo scorso gennaio.

Bruno-Cristillo-Fotografo
simplyweb2024-336
Bruno-Cristillo-Fotografo
previous arrow
next arrow

Il romanzo d’esordio di Elsa Morante, “Menzogna e sortilegio“, fu scritto quando l’autrice aveva trent’anni, nell’appartamento che condivideva con suo marito Alberto Moravia a Roma. Durante i bombardamenti, Morante dovette lasciare il manoscritto a un amico, causandole grande sofferenza non poterlo dedicarsi.

Nel 1947, una volta terminato il libro, Morante lo inviò a Natalia Ginzburg, che lavorava all’Einaudi, e questa lo trovò bellissimo. Pubblicato nel 1948, “Menzogna e sortilegio” vinse il premio Viareggio ex aequo con Palazzeschi; la critica si divise, ma tra gli entusiasti vi erano Giacomo Debenedetti e Lukacs, che nel 1962 lo definì “il più grande romanzo moderno”.

La trama del libro si svolge in Sicilia alla fine dell’Ottocento e all’inizio del Novecento, e ruota attorno a una genealogia femminile: nonna, madre e nipote. I personaggi principali sono Anna, una nobildonna decaduta, innamorata di Edoardo, il cugino ricco e capriccioso; Francesco, amico di Edoardo, che sposa Anna, condannandosi a un destino di infelicità; Elisa, l’io narrante, figlia di Anna ed Edoardo, e Rosaria, la prostituta.

Durante il dibattito, i membri del gruppo di lettura esploreranno le tematiche affrontate nel romanzo, tra cui il ruolo delle donne nella società dell’epoca, la lotta per l’indipendenza e la ricerca della felicità.