Strage di Bellona, la Procura: “La moglie non aveva mai denunciato Mango”

Bellona (Caserta) – Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa inviatoci dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere riguardo  il tragico episodio avvenuto ieri a Bellona, dove l’ex guardia giurata Davide Mango ha ucciso la moglie Anna Carusone e ha poi ferito altre 5 persone sparando dalla propria mansarda prima di barricarsi in casa e togliersi la vita durante il blitz delle forze speciali.

“In merito ai gravi fatti occorsi nel pomeriggio di ieri 22 gennaio in Bellona” si legge nella nota “quest’Ufficio tiene a precisare che alcuna denuncia risulta essere stata sporta dalla signora Anna Carusone nei confronti del proprio coniuge Davide Mango e né da altri familiari nei confronti di quest’ultimo.

Pertanto, questa procura non è stata mai investita delle vicissitudini afferenti i due coniugi e dell’eventuale conflittualità  esistente fra i medesimi.

La tragicità degli eventi impone ancora una volta di ribadire che, a fronte di eventuali situazioni di conflittualità, venga operata una denunzia da parte delle donne interessate, onde
consentire l’emersione di situazioni di violenza domestica e far sì che vi possa essere il pronto intervento delle Forze dell’ordine, dei Servizi Sociali operanti sul territorio e dell’Autorità Giudiziaria.

Solo l’emersione di tali fenomeni e l’intervento delle Forze dell’Ordine e della Magistratura possano consentire che eventi del genere, per quanto possibile, vengano scongiurati nel futuro.

Questa Procura della Repubblica persegue l’obiettivo della massima tempestività nel dare una risposta ai casi di violenza familiare oggetto di denunzia e ha sottoscritto un apposito protocollo con le Forze dell’Ordine e con gli Enti operanti nel settore, che consente di realizzare una efficace rete di sostegno alle vittime onde consentire alle medesime di superare qualsiasi remora nell’emersione delle vicende che le riguardano e di essere accompagnate nel percorso di denuncia e di affrancamento dalla violenza”.