Strage di cani avvelenati a Dragoni, nell’alto casertano. Scatta la taglia sui responsabili

Sei cani sono stati ritrovati morti avvelenati dalle polpette mentre altri tre sono scomparsi probabilmente anche loro saranno ritrovati morti. Una vera stage quella dei giorni scorsi che ha colpito i cani di Dragoni in provincia di Caserta.

Sulla vicenda interviene l’AIDAA Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente. Gli animalisti pongono una taglia di 2.000 euro sulla testa del responsabile di questo crimine.

In Italia vengono avvelenati ogni anno oltre 44.000 cani e di questi la maggior parte muore, è una strage spesso pianificata a livello locale, come crediamo sia quella avvenuta in questi giorni a Dragoni dove le polpette avvelenate hanno ucciso almeno 6 cani- scrivono gli animalisti di AIDAA- per questo motivo pagheremo 2.000 euro a chiunque con la propria testimonianza rilasciata davanti alle autorità in forma di legge aiuterà ad individuare, denunciare e far condannare in via definiva l’autore o gli autori di questa strage.

Per una volta- conclude la nota animalista– rompiamo il muro dell’omertà e denunciamo i responsabili di questi crimini“.