Taglio del nastro della Villetta Padre Pio di Caserta. Le dichiarazioni del sindaco Carlo Marino

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
delpicar700
ENJOY1
previous arrow
next arrow

Caserta – Questa mattina, lunedì 28 marzo 2022, si è tenuta l’attesa cerimonia di inaugurazione e taglio del nastro della Villa di Padre Pio dopo i lavori di riqualificazione, come abbiamo già accennato. Dopo lunghi mesi di lavori, è stato finalmente restituito ai cittadini un luogo dedicato in particolare ai più piccoli.

“Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla rigenerazione urbana di un luogo simbolo della città, la nostra villetta di Padre Pio che oggi riconsegniamo alla città, ai nostri bambini, ai nostri anziani, a chi ha voglia di stare insieme in un’area verde bella e moderna”.

AUTOMORRA

Lo ha detto il sindaco Carlo Marino nel corso dell’inaugurazione della rinnovata Villa di Padre Pio, la cui riqualificazione è stata realizzata grazie al Programma Integrato Città Sostenibile (P.I.C.S.) – Città di Caserta – Asse X Sviluppo Urbano PO FESR Campania 2014-2020.

Dopo la benedizione affidata al vescovo di Caserta, monsignor Pietro Lagnese, si è svolto il consueto taglio del nastro: accanto al sindaco Marino, l’assessore regionale al Governo del Territorio Bruno Discepolo, il consigliere provinciale Massimo Russo, in rappresentanza del presidente della Provincia, assessori e consiglieri comunali ed una delegazione del Consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi di Caserta.

La villetta dispone di un nuovo parco giochi inclusivo di circa 1200 mq e una fontana a raso. L’area a verde è stata completamente riqualificata e dotata di un moderno impianto di irrigazione con recupero delle acque piovane, con l’inserimento di nuovi elementi di arredo urbano, tra i quali cestini per la raccolta differenziata e per le deiezioni canine, panchine con pannelli fotovoltaici e prese di ricarica usb, un bagno automatizzato autopulente. Attivo anche un sistema di videosorveglianza con 13 telecamere, collegato alla sala operativa della Polizia Municipale.

“Un luogo di vita, come ha detto il vescovo Lagnese, dove le nostre famiglie devono tornare a stare insieme, soprattutto dopo la pandemia – ha aggiunto il sindaco – e che dobbiamo mantenere nelle condizioni in cui oggi l’apriamo alla città. Come ho già detto nei giorni scorsi, le prime sentinelle dovranno essere i fruitori di questo spazio unico nel centro cittadino. Ringrazio gli assessori, a partire da quelli della precedente Amministrazione come Franco De Michele con il quale abbiamo avviato questo percorso, i consiglieri comunali di maggioranza e minoranza e la Regione Campania che ha finanziato, attraverso i Pics, questo importante progetto di riqualificazione urbana e sociale”.

“Siamo felici – ha detto l’assessore regionale Bruno Discepolo – di aver dato al Comune la possibilità di recuperare un’area che deve puntare all’inclusione sociale. I cittadini devono vivere la propria città, condividere, identificarsi in un luogo e costruire il proprio senso di comunità. Ora Caserta ha uno strumento in più per realizzare questo obiettivo e spetta ai suoi abitanti fare in modo che questo bene venga custodito e tutelato nel miglior modo possibile”.

Il sindaco ha poi ringraziato le associazioni che hanno contribuito, con propri allestimenti, a
migliorare la fruibilità della nuova villa: Rotaract Club Caserta Terra di Lavoro 1968 che ha donato e installato un defibrillatore, l’associazione “A Casa di Lucia” con la quale è stata inaugurata la “Casetta dei libri”, GreenCare Caserta che ha realizzato un percorso didattico che accompagna i più piccoli, con palette provviste di Qr code, alla scoperta delle piante e degli alberi presenti.