Teatro in Cammino a Santa Maria Capua Vetere, si ripete il 18 luglio con Muricena Teatro e Solot

Un momento degli spettacoli

La Carovana artistica per famiglie e ragazzi ha iniziato domenica 11 luglio con La Mansarda Teatro in “Passeggiando tra le fiabe”, scritto da Roberta Sandias e diretto da Maurizio Azzurro. Due abitanti magici del bosco introducono i personaggi delle fiabe più famose e care ai bambini: Cappuccetto rosso alle prese con il lupo, Hansel e Gretel, La Principessa ed il Principe Ranocchio, e molti altri personaggi in un susseguirsi di sorprendenti ed inaspettati incontri.

Subito dopo, Mutamenti/Teatro Civico 14 è andata in scena con “Bianca, Neve e i tre Settenani”. Lo spettacolo, liberamente ispirato a “Biancaneve e i sette nani” dei fratelli Grimm, è scritto e diretto da Roberto Solofria, che è in scena con Antimo Navarra, Vincenzo Bellaiuto e Ilaria Delli Paoli.

Nel castello di Lohr in Bassa Franconia, Bianca visita la splendida collezione di specchi, tra questi ce n’è uno quasi magico che ripete le parole di chi si specchia.

La ragazza, incantata, non si accorge della chiusura del museo e strani personaggi la coinvolgono in un’avventura che ricorda tanto quella di Biancaneve.

Teatro in Cammino

Si prosegue domenica 18 luglio con un doppio appuntamento. Alle ore 18, Muricena Teatro è in scena con “Fermate quei giullari”, ideato e scritto da Raffaele Parisi e Antonio Perna, con Antonio Perna e Adriano Falivene. Due fratelli, entrambi saltimbanchi girovaghi si ritrovano senza pubblico a causa di un uomo, arrivato in città, che predica amore e povertà, gratuitamente.

Quest’uomo si chiama Francesco e dicono venga da Assisi. I due fratelli si mettono alla ricerca del predicatore, al fine di fermarlo, arrivando sempre un attimo dopo l’avvenuto miracolo. La loro ricerca, tra acrobazie, musica dal vivo, giocoleria e affabulazione farà rivivere al pubblico la storia del Santo.

A seguire, Solot presenta “Un decamerone grande grande” a cura di Michelangelo Fetto, che è in scena con Assunta Maria Berruti, Antonio Intorcia e Massimo Pagano. Uno spettacolo per i più piccoli ispirato ad alcune novelle di Boccaccio, cercando di ricreare il più possibile l’atmosfera del tempo con l’uso di costumi ed effetti ricercati ma anche attraverso la riproduzione visiva dei paesaggi descritti, il gioco dei suoni, la simulazione di situazioni e contesti in cui coinvolgere potenzialmente i giovanissimi spettatori ed i loro genitori.

Info e prenotazioni: 3398085602