A teatro la raccolta fondi per l’allestimento di una “stanza tutta per sè” presso la Questura di Caserta

GIORDANI
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Che cos’è una “stanza tutta per sè”? Si tratta di un’aula per l’audizione delle donne che denunciano atti persecutori, maltrattamenti, stalking e ogni altro atto violento.

Un ambiente protetto che ha lo scopo di sostenere la donna nel delicato momento della denuncia di violenze e abusi alle Forze dell’Ordine.

glp-auto-336x280
lisandro

 

Così, dopo la “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”, celebrata lo scorso sabato 25 novembre, proseguono le iniziative della Questura di Caserta di sensibilizzazione sul tema della violenza di genere.

Il Questore Andrea Grassi ha partecipato domenica scorsa allo spettacolo teatrale “I monologhi della V…”, organizzato presso il “Teatro San Pietro” di Caserta dall’Associazione “Soroptimist“.

Durante lo spettacolo sono stati raccolti i fondi per l’allestimento della stanza destinata all’ascolto di vittime di violenza, individuata in locali confiscati alla criminalità organizzata a disposizione della Questura di Caserta.

Il Questore, inoltre, ha preso parte ad altre iniziative indirizzate a sensibilizzare gli studenti delle scuole superiori contro la violenza di genere.

Lunedì, presso il Teatro “Città della Pace” di Caserta, si è tenuta la rappresentazione  “Trittico di donna”, organizzata dall’associazione culturale “Ali della mente“, cui è seguito un dibattito sul tema dell’educazione sentimentale, mentre nella giornata odierna ha partecipato all’assemblea di istituto del Liceo “Pietro Giannone” dove, tra gli altri, è stato affrontato il tema delle attività di contrasto della Polizia di Stato alla violenza.