Teatro Paravano di Caserta, la riapertura “Con tutto il cuore”

Caserta – Con atmosfera natalizia alla vigilia dell’Immacolata riapre il celebre teatro di Caserta. La notizia di chiusura del Teatro Parravano, che ha suscitato scalpore e provocato dispiacere nei più affezionati, non sembrava dare adito ad una futura riapertura.

La stagione teatrale propone come sempre varietà di proposte; il 7 dicembre ha calcato le tavole del palcoscenico, che pensavamo di aver lasciato lì ad impolverare, Vincenzo Salemme  con “Con tutto il cuore” lo spettacolo da lui scritto, diretto ed interpretato. Il cast era composto, oltre al regista, da Domenico Aria, Vincenzo Borrino, Antonella Cioli, Sergio D’auria, Teresa del Vecchio, Antonio Guerriero, Giovanni Ribò, Mirra Flavia Stellato. Lo spettacolo è stato coinvolgente e ha toccato temi della quotidianità ma con una forte morale. Uno spettacolo dalla risata fragorosa, che ha saputo regalare una serata di spensieratezza non senza spunti di riflessione.

La commedia, della durata di circa un’ora e quaranta minuti, presenta la vita di un semplice professore di lettere di ritorno da una lunga degenza per trapianto di cuore che si ritrova a riabbracciare i propri cari cogliendo forse la drammaticità alle volte comica della sua situazione familiare alquanto disgregata; il professor Ottavio Camaldoli a sua insaputa è stato scelto come vendicatore inaspettato della morte di un celebre uomo del mal costume detto “o Barbier“.

Da uomo integro, buon cittadino, il Camaldoli non sceglie di divenire assassino ma il finale, inaspettato, lascia spiazzati.

Una sequenza di applausi e l’afflato del pubblico ha degnamente ripagato la bravura dell’intero cast, diretto dallo stesso Salemme che ha salutato con gioia la platea, fiero di aver inaugurato la riapertura di un teatro che è sempre stato sinonimo di gioia.

Questo segno di rinascita di uno dei centri culturali della città è un simbolo di ripresa, che speriamo si sviluppi ad ampio raggio e sicuramente vuole essere una speranza per i cittadini di partecipare alla crescita di una Caserta rinnovata.