Tentano estorsione da un milione di euro, tra i tre arrestati un 41enne di San Cipriano

I carabinieri di Pavullo nel Frignano, in provincia di Modena, sono riusciti a individuare tutti i responsabili della tentata estorsione da un milione di euro ai danni di un imprenditore della zona. Pochi giorni fa erano stati arrestati e tradotti in carcere un 59enne, ritenuto il mandante del reato, e il 41enne Salvatore Lionetti detto “o’zingarone”, originario di San Cipriano d’Aversa ma da anni residente a Castelfranco Emilia. Vicino al clan dei casalesi, è considerato l’esecutore materiale dell’estorsione terminata poi lo scorso settembre con l’incendio dell’auto della vittima.

Le indagini dopo gli arresti sono proseguite ed i carabinieri hanno appena eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti dei due citati e di una terza persona, un 52enne considerato il punto di collegamento tra mandante ed esecutore.

Il 41enne originario di San Cipriano d’Aversa era già noto alle forze dell’ordine per diversi episodi: nel 2007 fu gambizzato durante un agguato avvenuto proprio a Castelfranco Emilia, mentre nel 2015 venne condannato in primo grado a 5 anni e 4 mesi di reclusione nell’ambito di un’indagine sulle estorsioni.