Caritas Caserta: terza Giornata Mondiale dei Poveri, due giorni per conoscere i volti della povertà

“La speranza dei poveri non sarà mai delusa” è il messaggio di Papa Francesco per la Terza Giornata Mondiale dei poveri, istituita al termine del Giubileo della Misericordia, e in programma il prossimo 17 Novembre.

Dopo l’apertura di nuove case di accoglienza sul territorio, la Caritas di Caserta, organismo pastorale della Diocesi, agendo continuamente per andare incontro al grido disperato di uomini, donne e, talvolta, di intere famiglie, aderirà alle celebrazioni indette dal Santo Padre attraverso una serie di iniziative per invitare la comunità a riflettere sulle nuove forme di povertà e per riuscire a restituire la speranza dinanzi alle ingiustizie, alle sofferenze e alla precarietà della vita.

A partire da domenica 17, infatti, saranno aperte le case di accoglienza (Casa Emmaus, Casa del sorriso di don Quici, La tenda della Misericordia- Fondazione Iacometti) a chiunque desideri visitarle.

Un’occasione che viene data per far comprendere il valore importante della carità e del sostegno, per manifestare la propria solidarietà agli emarginati e per vivere da vicino il costante impegno dei volontari, profuso soprattutto per sovvenire alle difficoltà che spesso incontrano.

L’iniziativa sarà suggellata alle ore 11,30 con una Santa Messa in Cattedrale celebrata dal Vescovo di Caserta, Mons. Giovanni D’Alise.

Un momento di riflessione e di confronto sui temi della povertà, anche nella sua condizione assoluta, è stato organizzato per lunedì 18 alle ore 10.30, presso la Biblioteca diocesana di Caserta, in Piazza Duomo.

Don Antonello Giannotti, direttore Caritas Caserta e parroco della comunità dei fedeli della chiesa del Buon Pastore, introdurrà un Convegno dal titolo “I volti della povertà”: una descrizione delle nuove dimensioni della povertà che ogni giorno si manifesta sotto i nostri occhi.

All’incontro interverranno il Vescovo di Caserta, S.E. Giovanni D’Alise, da sempre attento ai bisogni dei più fragili, e gli operatori della Caritas di Caserta, quali testimonial diretti di esperienze di povertà nell’ambito della diocesi casertana. In particolare siederanno al tavolo dei relatori Barbara Pacilio, coordinatrice di Progetto Con-Tatto, Gian Luca Castaldi, Caritas settore immigrazione, Annamaria Antonino, Casa di accoglienza Emmaus e don Antimo Vigliotta, Migrantes.

Il convegno è ad ingresso libero. La Caritas diocesana è lieta di invitare la comunità a partecipare.

Loading...