“The Voice of Italy”, la 19enne napoletana Maryam Tancredi vince la quinta edizione

Tutto quello che c’è da sapere sulla concorrente del team Al Bano, che giovedì 10 maggio si è aggiudicata la vittoria di TVOI2018

GIORDANI
SANCARLO50-700
glp-auto-700x150
previous arrow
next arrow

È Maryam Tancredi del team Al Bano a trionfare a The Voice of Italy 2018. Al termine della lunghissima finale è stata la cantante che il coach ha definito “Al Bano al femminile” a battere Beatrice Pizzin del team di J-Ax. Maryam si aggiudica così il contratto discografico con la Universal Music e il titolo di “Voce d’Italia” per quest’anno.

Secondo i pronostici, la diciannovenne era tra le favorite e il televoto del pubblico è stato coerente con il gradimento social, che ha incoronato Maryam ancora prima che venisse svelato il nome della vincitrice di TVOI.

LORETOBAN1
LORETOBAN1
previous arrow
next arrow

Sono partiti in 100, ma ha vinto una sola. È lei, Maryam Tancredi, che nella finale di The Voice of Italy 2018 rappresenta il Team di Al Bano. Maryam, il cui volto non è nuovo al pubblico avendo già partecipato all’edizione 2011 di Ti lascio una canzone, ha vinto con il 64,81% dei votil’ultima sfida contro Beatrice (team J-Ax).

Maryam Tancredi ha 19 anni, viene da Napoli e il suo sogno è vivere di musica. “Ho imparato prima a cantare e poi a camminare” racconta, e in effetti da piccola, quando ancora doveva aggrapparsi ai tavoli per stare in piedi, allietava parenti e amici cantando.

Prendi sempre un rischio quando alle Blind Auditions porti una canzone di uno dei coach. Eppure lei ha osato e il suo coraggio è stato premiato: È la mia vita di Al Bano fa girare proprio lui, l’interprete originale, per secondo e il commento è una benedizione: “Sei Al Bano al femminile”.

“La musica è la mia arma e sul palco divento un’altra persona. Lì davvero sono me stessa” confessa la ragazza, che con la sua voce combatte contro i pregiudizi e l’ossessione delle persone per l’apparenza. “Per stare su un palco ci vuole coraggio e autostima, cosa che solitamente non ho”: è il miracolo della musica, che il pubblico italiano ha già avuto modo di apprezzare a Ti lascio una canzone nel 2011.

“Canti come se avessi un fonico già in gola, hai la voce già mixata” questo il commento di J-Ax dopo la Leave A Light On (Tom Walker) cantata al Knock Out. Alla Battle poi la ragazza ha osato ancora con Skyfall di Adele e alla finale ha eseguito No (Meghan Trainor), Ho difeso il mio amore (Nomadi), Too good at goodbyes (Sam Smith), ha duettato con Al Bano in The Prayer (Andrea Bocelli e Celine Dion) e ha presentato il suo inedito Una buona idea.