Tiziana Petrillo eletta nel Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Tiziana Petrillo ed il presidente degli ingegneri di Caserta, Carlo Raucci
Tiziana Petrillo ed il Presidente degli Ingegneri di Caserta, Carlo Raucci
SANCARLO50-700
delpicar700
ENJOY1
previous arrow
next arrow

Tiziana Petrillo è stata eletta nel Consiglio Nazionale degli Ingegneri, prima volta di una professionista donna casertana, e dopo 20 anni porta Caserta ad avere nuovamente una rappresentanza nell’organismo che raggruppa circa 244mila professionisti e 106 consigli professionali.

Componente dell’attuale Consiglio direttivo dell’Ordine di Caserta, di cui aveva già fatto parte dal 2009 al 2013, l’ingegnere Petrillo è specializzata nel settore della Prevenzione Incendi, nel quale opera soprattutto nelle industrie da oltre 20 anni, e vanta tra le sue esperienze la carica di presidente del Settore Terziario Avanzato alle Imprese di Confindustria Caserta, e quella di assessore comunale della città.

La mia elezione al CNI – ha dichiarato Tiziana Petrillo – è per me motivo di grande orgoglio, ed il risultato di un importante lavoro svolto insieme al Consiglio ed al presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Caserta, Carlo Raucci, ai quali va il mio ringraziamento più sentito. Il lavoro che mi aspetta nel CNI sarà impegnativo e sfidante, ma questa elezione rappresenta un’importante occasione per partecipare in maniera più incisiva ai processi di indirizzo strategico, di sviluppo e di crescita del Paese, nei quali il ruolo degli ingegneri può, e deve, essere centrale in una logica di apporto di competenze e professionalità‘.

Porterò avanti il mandato affidatomi – ha aggiunto la Petrillo – con entusiasmo, passione, e ancora con il supporto, ne sono certa, dei Colleghi dell’ordine della provincia di Caserta che rappresentano una ricchezza su cui il CNI potrà contare‘.

Soddisfatto il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Caserta, Carlo Raucci il quale – sebbene eletto da pochi mesi – è riuscito già a segnare un altro successo per l’ordine del capoluogo di Terra di Lavoro.